Lo studio australiano Canny ha recentemente progettato la villa Hawthorne che si trova nell’omonima città australiana. Dietro una facciata tradizionale si sviluppa una splendida abitazione moderna che dispone di ampie vetrate, una magnifica piscina ed una sala rinfreschi esterna dalla forma convessa molto originale. L’esigenza dei clienti era quella di realizzare un’abitazione adatta ad ospitare una famiglia in crescita, con adolescenti ed adulti che convivano senza sovrapporsi fra gli spazi. La casa così realizzata ha una serie di spazi comuni ampi e moderni, mentre le camere che sono nella parte frontale dell’abitazione hanno uno stile più classico.

La facciata infatti ha uno stile tradizionale quasi coloniale, con il giardino di prato di fronte alle finestre. La parte posteriore ospita una piscina moderna e dalla caratteristica illuminazione notturna, circondata invece che da un giardino da una serie di placche di pietra naturale e da una originale ringhiera divisoria in vetro. Le aree limitrofe la piscina sono state caratterizzate da pareti in vetro a tutta altezza, e comprendono la sala da pranzo ed una serie di altri ambienti dedicati all’intrattenimento. La differenza con il design della parte frontale dell’abitazione è enorme, e rende la villa un’opera dalla doppia anima. La cantina dei vini è forse l’ambiente più caratteristico della casa, con 2.000 bottiglie di vino, un banco di degustazione, un lavello deluxe e un tavolo per intime degustazioni.

Villa Hawthorne in Australia-0000 Villa Hawthorne in Australia-0001 Villa Hawthorne in Australia-0002 Villa Hawthorne in Australia-0003 Villa Hawthorne in Australia-0004 Villa Hawthorne in Australia-0005 Villa Hawthorne in Australia-0006 Villa Hawthorne in Australia-0007 Villa Hawthorne in Australia-0008 Villa Hawthorne in Australia-0009 Villa Hawthorne in Australia-0010 Villa Hawthorne in Australia-0011 Villa Hawthorne in Australia-0012 Villa Hawthorne in Australia-0013 Villa Hawthorne in Australia-0014

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...