Il costo per frequentare i college Statunitensi è decisamente elevato anche per gli standard di vita americani, e negli ultimi tempi la situazione sembra stia peggiorando sempre di più. I costi dell’Università (fino a 44.000 dollari annui per le più prestigiose Stanford, Princeton etc) possono essere abbattuti evitando di alloggiare nei dormitori dei College, trovando una soluzione alternativa o costruendosi una casa vera e propria nella quale abitare durante il corso degli studi.

Se l’idea non è certo nuova, ne avevamo parlato anche nel 2015 per uno studente che aveva realizzato una casa su ruote di 13 metri quadrati, la soluzione di Bradley, uno studente di Jacksonville, in Florida, è anche una dimostrazione di eccezionali capacità DIY (fai da te) e di riciclo creativo.

Bradley ha costruito una casa sopra un trailer lungo circa 8 metri, dal quale è riuscito a ricavare un’abitazione di circa 21 metri quadrati. Lo spazio si è rivelato perfetto per ospitare una persona, ma la gestione creativa delle nicchie e degli interni potrebbe rivelarsi adatta anche ad abitazioni di maggiore metratura.

“Rolling Quarters”, come è stata chiamata, è costata circa 15 mila dollari, e sta consentendo a Bradley di studiare senza preoccuparsi dei costi di alloggio all’Università. Lo studente ha raccontato la sua esperienza al programma Youtube “Living Big In A Tiny House”, di cui trovate il video integrale sotto, e di cui è significativo riportare alcuni passaggi:

Appena uscito dal liceo sono andato a pagare un anno di affitto (al college), e ho pensato che non faceva assolutamente per me. Così sono tornato a casa, ho risparmiato un po’ di soldi e ho avuto i contanti per costruire “Rolling Quarters”, che si è rivelata anche una splendida esperienza. Costruire questa casa mi ha insegnato che posso fare di più di quanto possa addirittura pensare. Prima di fare alcune cose, come l’impianto elettrico, ho pensato che avrei potuto farlo fare ad un elettricista, ma poi mi sono “sporcato le mani” e ci ho pensato da me“.

La cucina in fase di costruzione:

L’interno del Rolling Quarters ha un aspetto simile a una cabina. Il design degli interni comprende una serie di nicchie e soluzioni classiche per le piccole abitazioni, come lo spazio sotto le scale o la camera da letto soppalcata, mentre lo spazio per la TV e il divano è un lusso inusuale. Oltre a se stesso, Bradley ospita regolarmente feste con gli amici, che hanno totalizzato un massimo di 25 partecipanti in uno spazio climatizzato.

Sotto, le scale con il guardaroba e le nicchie per gli oggetti:

La camera da letto:

“Rolling Quarters” durante il trasporto:

Il bagno:

Il divano:

La cucina:

Foto Panoramica:

Non pago di aver risparmiato i costi dell’affitto, Bradley nei periodi in cui non utilizza la casa la affitta su Airbnb con enorme successo di recensioni, e tutti gli ospiti che si sono dimostrati entusiasti della piccola casa immersa nella natura di Jacksonville.

Sotto, il video di Living Big in a Tiny House:

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...