Costruire una caffetteria da zero mette a dura prova la creatività di colui che la vuole aprire. Se l’imprenditore è anche appassionato di fotografia, e in particolare delle macchine fotografiche Rolleiflex, le cose si complicano, ma possono anche diventare davvero interessanti. Il proprietario è un ex pilota di elicotteri dell’aviazione sudcoreana, che, è anche un grande appassionato di fotografia e macchine fotografiche. L’edificio è una riproduzione fedele di una Rolleiflex, una macchina fotografica con doppia ottica di origine tedesca che fu prodotta a partire dal 1928 in poi che ebbe un successo planetario grazie alla possibilità di vedere l’inquadratura prima dello scatto.

La caffetteria si trova a 60 chilometri da Seoul, ed è un museo della fotografia oltre che un locale di somministrazione bevande. La costruzione è adiacente all’abitazione del proprietario, e per salirvi è stata costruita una scala di legno laterale, unica aggiunta ad una riproduzione altrimenti perfetta. Le finestre sono corrispondenti alle aperture per gli obiettivi della macchina fotografica originale, e sono ampie e caratteristiche. Di notte, la Rolleiflex gigante è stata illuminata sapientemente per ottenere un effetto scenico impressionante, ed è diventata un must da visitare per gli appassionati di fotografia se ci si trova in Corea del Sud.

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...