Un senzatetto incanta milioni di persone suonando il pianoforte

Sulla strada principale di Sarasota, una città della Florida, un senzatetto ha recentemente incantato il web con una prestazione pianistica eccezionale. La canzone è “Come Sail Away” degli Styx, e l’interprete Donald Gould, e questa particolare performance è solo uno dei tanti concerti improvvisati che l’uomo suona ogni giorno. Accade spesso infatti che Gould si sieda di fronte al pianoforte e cominci ad incantare i passanti.

Il video del concerto al pianoforte è diventato virale, con oltre 6 milioni di visualizzazioni. L’uomo ha una storia molto interessante, che ha appassionato tantissime persone da tutto il mondo. Gould iniziò la sua carriera musicale con il clarinetto e ha continuò nelle fila del corpo dei Marine statunitensi. Dopo il servizio militare tornò a casa e iniziò a studiare musica, sperando di diventare un giorno un insegnante. Tre semestri prima di laurearsi Gould finì i soldi, e non riuscì a terminare gli studi. Per mantenere la famiglia iniziò a lavorare e abbandonò del tutto la via della musica. Nel 1998 morì la moglie, e infine gli venne tolto il figlio, affidato ai servizi sociali.

L’uomo infatti sembra fosse dipendente da sostanze stupefacenti e la spirale di dolore legata alla perdita della compagna non gli consentiva di provvedere al figlio, oggi ormai diciottenne. Dopo il video è stata lanciata una campagna su GoFundMe, che ha ottenuto immediatamente un enorme successo, per procurare a Gould una casa e i soldi necessari per finire gli studi musicali. Nel frattempo il senzatetto diletta i passanti e insegna ai bambini quella che sembra essere ormai la sua unica ragione di vita: suonare il pianoforte.

Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.