Un team di archeologi guidati dal professor Kutalmış Görkay, dell’università di Ankara in Turchia, ha portato alla luce tre antichi mosaici greci nella città turca di Zeugma, vicino al confine con la Siria. Il progetto di scavo, iniziato nel 2007, è stato velocizzato dalle inondazioni nella zona a causa della costruzione di una diga.

Temendo che gli antichi tesori di Zeugma finissero perduti per sempre, gli archeologi si sono precipitati a scavare, proteggere e conservare le reliquie del passato, compresi i mosaici di vetro risalenti al 2° secolo avanti Cristo. Anche se una parte della città è ormai sommersa dall’acqua, gli scavi continuano nella speranza di scoprire altri reperti.

zeugma2

Secondo Görkay, i mosaici colorati erano parte integrante delle case dell’antica città. Raffiguranti varie figure mitologiche come déi o eroi antichi, i mosaici venivano posizionati nella stanza in modo che gli ospiti potessero ammirarli mentre chiacchieravano e bevevano col padrone di casa. I soggetti venivano accuratamente selezionati in base alla funzione di ogni specifica camera.

Per esempio, in una camera da letto trovavano posto un mosaico con degli amanti come Eros e Telete. I mosaici riflettevano anche i gusti del proprietario dell’abitazione e dei suoi interessi: “Erano un prodotto della fantasia del patrono. Non era semplicemente una scelta da un catalogo, ma servivano a dare una buona impressione ai propri ospiti” afferma Görkay al sito Archaeology.org.

zeugma1

L’antica città di Zeugma ha una storia che risale al 3° secolo aC, quando fu istituito come insediamento greco chiamato Seleucia da Seleuco I, uno dei comandanti di Alessandro Magno. Nel 64 aC, i Romani la conquistarono e la ribattezzarono “Zeugma”, una parola che significa “ponte” o “incrocio” in greco antico. Per molti secoli, Zeugma servì come uno dei centri di commercio più importanti dell’Impero Romano d’Oriente, grazie alla sua posizione geografica al confine tra il mondo greco-romano e l’impero persiano.

Sotto, Thalia, la musa della commedia e della poesia idilliaca

zeugma3

Oceanus, la personificazione divina del mare, e la sorella/consorte Tethys, l’incarnazione delle acque del mondo:

zeugma4

Tethys e Oceanus

zeugma5

Poseidone, il Dio del Mare:

zeugma6

Il Mosaico di fronte alle autorità:

Mosaico Greco Turchia 2

Altri resti della città:

Mosaico Greco Turchia 3

Il ritrovamento di fronte alle autorità:

Mosaico Greco Turchia 1

Sotto, il video della prima “pulizia”:

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...