Da qualche parte sulla punta meridionale della penisola del Sinai, in Egitto, situato ai piedi di una catena montuosa nel bel mezzo del deserto, si trova uno spettacolo particolare che è decisamente decontesualizzato dal luogo:

Un cinema da centinaia di posti a sedere

Il fotografo estone Kaupo Kikkas ha recentemente visitato il luogo abbandonato e riportato questi incredibili scatti di un sogno decadente. Kikkas spiega, sul suo blog, come un francese si trovasse un giorno nel deserto e si chiedesse come mai non ci fossero dei cinema nel bel mezzo del deserto.

Tornato a Parigi si organizzò economicamente, acquistò un proiettore e delle sedute usate e si recò nuovamente in Egitto. Il giorno della premiere era tutto pronto a funzionare, e i posti erano pieni di spettatori. Quello con cui non aveva fatto i conti erano le autorità egiziane, non troppo contente di vedere un cinema allestito nell’area di loro competenza da un francese considerato “pazzo da legare”. Il generatore purtroppo venne sabotato e non funzionò, lasciando l’idea del cinema all’aperto nel deserto solo una possibilità nel campo dei sogni.

Il cinema fu quindi interamente allestito, ma non fu mai proiettato neanche un singolo filmato, e ora si trova nel mezzo del deserto, cattedrale dell’idea di un sognatore innamorato dell’Egitto. È possibile vederne la testimonianza grazie alle immagini satellitari di Google:

Sotto, altra immagine satellitare del cinema:

movie_theater_desert_05-1

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...