James Brunt è un artista originario dello Yorkshire, in Gran Bretagna, e la sua specialità è utilizzare gli elementi naturali per creare delle effimere opere d’arte, geometricamente elaborate. L’arte della terra di Brunt viene prodotta in diversi luoghi, fra cui spiagge, parchi e ovunque sia possibile reperire materiale utile a creare intricati disegni e forme geometriche.

Come i Mandala dei Monaci Buddisti, anche le opere di Brunt vengono realizzate per essere distrutte, immortalate soltanto dalla macchina fotografica. Le pietre diventano parte di disegni perfetti nella loro irregolarità, le foglie protagoniste di spirali caratterizzate da un unico gradiente cromatico, oppure intricati ramoscelli vengono ordinati in cerchi e forme sinuose.

La fotografia finale dell’opera cattura un “punto di equilibrio” che l’autore definisce “poeticamente fragile, ingannevolmente solido a causa della natura concreta delle materie prime”. Brunt non realizza solo piccole opere d’arte effimere, ma è anche co-fondatore di “Responsible Fishing UK”, un collettivo artistico che lavora con materiali naturali e riciclati per creare opere d’arte temporanee e interagire con le persone attraverso scuole, festival e progetti artistici basati sul coinvolgimento della comunità.

Opera di James Brunt#5:

Opera di James Brunt#6:

Opera di James Brunt#7:

Opera di James Brunt#8:

Opera di James Brunt#9:

Opera di James Brunt#10:

L’autore con un’opera:

Opera di James Brunt#12:

Opera di James Brunt#13:

Opera di James Brunt#14:

Opera di James Brunt#15:

Per scoprire di più riguardo James Brunt questa è la sua pagina ufficiale Facebook.

Sotto, il video della distruzione di una delle opere:

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...