The Atlas of Beauty è il nome dell’avventura e della sfida della fotografa rumena Mihaela Noroc che, attraverso centinaia di volti femminili, vuole mostrare le sfaccettature di una bellezza tutt’altro che canonica. Sono passati già tre anni da quando Mihaela ha deciso di lasciare il lavoro e la propria città natale, Bucarest, per investire tutti i risparmi in un viaggio in giro per il mondo che le permettesse di realizzare questo suo progetto.

Fino ad ora ha fatto tappa in più di 45 paesi, immortalando attimi della vita quotidiana di ragazze, bambine e donne: alcune di loro vengono colte alla sprovvista mentre preparano il pranzo o escono da scuola, altre si mettono in posa, sfoggiando l’abito tradizionale più bello o l’uniforme da lavoro conquistata, con fatica, dopo una lotta per il riconoscimento degli stessi diritti riservati ai colleghi uomini.

BELLEZZA: L’essere bello, qualità di ciò che è bello o che tale appare ai sensi e allo spirito.

Enciclopedia Treccani

Spaccati di vite, di paesaggi e di storie uniche che diventano immagini di paesi e scenari di contesti sociali a volte agli antipodi non solo geograficamente, ma anche nelle palettes di colori che si creano in base al luogo in cui la foto è stata scattata: si passa dal blu e bianco dell’Islanda al rosso e rosa dell’India perché, come Mihaela cerca di far vedere, la bellezza è data dagli occhi e dalle tradizione che contraddistinguono ogni popolo.

Questo progetto, che inizialmente è nato come pagina Tumblr, è diventato presto virale, tanto che queste foto sono apparse sulla CNN, all’Oprah Winfrey’s Super Soul Sunday e su numerose testate internazionali come The Guardian, Huffington Post, Business Insider, Forbes, BBC, Spiegel e, un anno orsono, anche su Vanilla Magazine.

Inoltre, Mihaela può contare ora su una forte community che, non solo la segue sui vari social networks, ma la supporta concretamente con donazioni o contributi diversi (equipaggiamento o valorizzazioni di altro genere) per aiutarla a raggiungere il suo scopo, che è quello di “continuare a catturare la bellezza in tutti i paesi del globo, facendo sì che questo atlante diventi un’ispirazione per tutte le donne che cercano di essere loro stesse, naturali ed autentiche”.

Grecia

grecia

India

India

India

india2

Islanda

IslandaRussia

russia

USA

San Francisco

Sotto, la fotografa e autrice del progetto Mihaela Noroc

Mihaela Noroc

Cristina Bargna
Cristina Bargna

Junior industrial designer ossessionata dagli oggetti e dalla loro storia. Dopo anni da pendolare tra Como e il Politecnico di Milano sono partita per Venezia. Otto mesi per imparare come non perdermi tra le calli e vivere la mia passione per le arti visive. Riempio agende con parole o disegni per paura di dimenticare. Conservo dettagli, biglietti di treni, concerti, musei e faccio fotografie con la macchina usa e getta per non poter controllare il risultato. Uso la penna per scrivere immagini e per cercare di capire cosa voglio fare da grande. Adoro i colori primari, le poesie di Wislawa Szymborska e i film di Wes Anderson.