Something’s Got to Give è un film statunitense incompiuto che risale al 1962, diretto da George Cukor e famoso perché fu l’ultima pellicola in cui recitò Marilyn Monroe. Oltre alla famosa attrice biondo platino c’era un cast d’eccezione, con Dean Martin, Cyd Charisse e Tom Tryon. Il film era in realtà il rifacimento di un’altra pellicola del 1940 dal titolo “My favorite wife – Le due mogli”, e avrebbe dovuto mostrare la storia di un uomo che si risposa credendo la moglie morta.

La Monroe prese parte a molte riprese alla fine di Aprile del 1962, ma le alterne condizioni fisiche e l’assenteismo ne causarono il licenziamento. Il film fu infine cancellato perché Dean Martin si rifiutò di proseguire con la protagonista principale impersonata da un’altra attrice.

Il film venne assemblato in un mediometraggio di 37 minuti del 1989, incluso in un documentario dal titolo “Marilyn: Something’s Got to Give”. Le riprese della pellicola diventarono famosissime non tanto per il film in sé, la cui sceneggiatura venne poi riciclata per “Move Over, Darling – Fammi posto tesoro”, del ’63, quanto per le immagini di Marilyn in piscina, in cui la donna apparve senza veli. La donna morirà, in circostanze mai chiarite, nell’agosto del 1962, all’età di 36 anni.

Something’s Got to Give#4:

Something’s Got to Give#5:

Something’s Got to Give#6:

Something’s Got to Give#7:

Something’s Got to Give#8:

Something’s Got to Give#9:

Something’s Got to Give#10:

Something’s Got to Give#11:

Something’s Got to Give#12:

Something’s Got to Give#13:

Something’s Got to Give#14:

Something’s Got to Give#15:

Something’s Got to Give#16:

Something’s Got to Give#17:

Something’s Got to Give#18:

Something’s Got to Give#19:

Something’s Got to Give#20:

Something’s Got to Give#21:

Sotto, i 37 minuti completi del film:

Sotto, il Trailer del film “Le due mogli” del 1940, con Cary Grant:

Categorie: Cinema

Matteo Rubboli

Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...