Dimenticate sabbia e acqua di mare. Gli architetti e gli artisti di Snarkitecture hanno creato una spiaggia diversa da qualsiasi altra. Usando quasi un milione di palline di plastica, solo di colore bianco, lo studio ha installato una grande buca, di quasi 1000 metri quadrati, nel bel mezzo del grande salone del National Building Museum di Washington DC. Come se le sue dimensioni non fossero abbastanza impressionanti, il bianco monocromatico dell’installazione rende “The Beach” semplicemente indimenticabile.

The Beach a Washington DC09

The Beach a Washington DC11“The Beach” è stata creata per incoraggiare le persone ad interagire con l’ambiente circostante in modo divertente, ma inconsueto. Non c’è comunque bisogno di immergersi in questo pozzo di palline di plastica riciclabile per godere di tutto ciò che questa “spiaggia” ha da offrire. Snarkitecture ha anche creato un “litorale” fornito della classica attrezzatura da spiaggia: sdraio bianche e ombrelloni, e c’è anche uno snack-bar. Uno specchio è posizionato di fronte al litorale, trasformando il mare di bianco in un’immagine senza fine. La grande installazione sarà aperta fino al 7 settembre.

The Beach a Washington DC12

The Beach a Washington DC10

The Beach a Washington DC08

The Beach a Washington DC01

The Beach a Washington DC04Snarkitecture è stato creato nel 2008 da Alex Mustonen e Daniel Arsham. Lo studio, che ha sede a Brooklyn (New York), è composto da un team di collaboratori che si concentra “sulla esperienza dello spettatore e la memoria, creando momenti di meraviglia e di interazione” che permettono alle persone di giocare con gli ambienti circostanti. Il tutto bianco dell’installazione “The Beach” ricorda molti altri progetti e collaborazioni del gruppo.

Airball

The Beach a Washington DC02

Collaborazione con COS per Milano Design Week 2015.
The Beach a Washington DC06

Collaborazione con Print All Over Me.

The Beach a Washington DC05

Drift (2012)

The Beach a Washington DC07

Annalisa Lo Monaco
Annalisa Lo Monaco

Lettrice compulsiva e blogger “per caso”: ho iniziato a scrivere di fatti che da sempre mi appassionano quasi per scommessa, per trasmettere una sana curiosità verso tempi, luoghi, persone e vicende lontane (e non) che possono avere molto da insegnare.