Glastonbury Tor è una collina conica che si trova nell’omonima cittadina inglese della contea del Somerset. Essa è sormontata da una torre a cielo aperto del XIV secolo dedicata a San Michele, e nei secoli ha concentrato su di sé l’attenzione di storici e letterati per il presunto legame con il ciclo arturiano e le Materie di Britannia.

Fotografia di Andrew M condivisa con licenza CC BY-SA 2.0 via Flickr:

Gli scavi archeologici hanno rivelato che la collina fu un luogo frequentato sia durante l’età del ferro sia nei secoli successivi dai Romani, mentre il tipico terrazzamento risalirebbe addirittura all’epoca neolitica. La prima chiesa monastica, dedicata a San Michele, fu realizzata in legno e distrutta durante un terremoto, nel 1275. Qualche anno dopo, durante il 14° secolo, venne realizzata l’odierna costruzione in pietra, che si erge perfettamente conservata sulla cima dell’altura.

Fotografia di Josep Renalias condivisa con licenza CC BY-SA 2.0 via Wikipedia:

Le credenze riguardo la funzione della collina sono antiche e ben testimoniate. Il luogo sarebbe stato meta di pellegrinaggio per i cattolici dal basso medioevo sino alla riforma protestante, da quando lo scrittore e religioso gallese Giraldus Cambrensis, del XII secolo, associò la collina ad Avalon, la mitica isola dove riposerebbe Re Artù, in attesa che il mondo abbia nuovamente bisogno di lui.

Fotografia di Andrew Krump condivisa con licenza CC BY-SA 2.0 via Flickr:

Il “Tor” (parola inglese che significa collina o roccia) venne definita “Ynys yr Afalon” quando vennero scoperte le bare del Re e della Regina Ginevra nel 1191, un evento documentato proprio da Cambrensis, che scrisse come i resti furono poi spostati. Molti studiosi sospettano che questi eventi siano frutto totale della fantasia, concepiti nell’opera di Giraldus volta a dare maggior prestigio e una storia secolare alla collina, accrescendone la fama.

Fotografia di Ronald James condivisa con licenza CC BY-SA 2.0 via Flickr:

Rilievo interno. Fotografia condivisa con licenza CC BY-SA 2.0 via Wikipedia:

Avalon era il luogo dove si incontravano i morti, il punto in cui i vivi passavano a un’altra forma dell’esistenza. La collina avrebbe quindi potuto assumere un livello di prestigio notevole nello scacchiere geografico dell’Inghilterra se fosse stata riconosciuta ufficialmente come “Isola di Avalon”.

Fotografia di Upstick condivisa con licenza CC BY-SA 2.0 via Flickr:

L’associazione di un chierico gallese con il ciclo di Re Artù non deve sembrare inusuale: Avalon sarebbe il luogo visitato da Gesù Cristo e da Giuseppe d’Arimatea, dove quest’ultimo portò la coppa con il sangue perso da Cristo in Croce e dove fu sepolto il Sacro Graal. Qui sarebbe sorta infine la prima chiesa della Britannia.

Fotografia di jans canon condivisa con licenza CC BY-SA 2.0 via Flickr:

Le testimonianze storiche, tutte trasmesse da Cambrensis, raccontano che fu l’Abate Enrico di Blois ad ordinare gli scavi nella collina, che portarono alla luce due sarcofagi, di cui uno recava l’iscrizione:

Qui giace sepolto l’inclito re Artù nell’isola di Avalon

I resti furono poi sepolti nell’abbazia di Glastonbury di fronte al Re Edoardo I e alla moglie.

Fotografia di Tony Grist condivisa con licenza CC BY-SA 2.0 via Wikipedia:

Nonostante le testimonianze e la bellezza della collina, la costruzione storica di una “Avalon” nel mezzo dell’Inghilterra è generalmente considerata un falso storico ben architettato, volto a raccogliere il denaro legato ai pellegrinaggi.

Fotografia di Josep Renalias condivisa con licenza CC BY-SA 2.0 via Wikipedia:

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...