La navigazione mediante i più moderni navigatori satellitari in grado di controllare la situazione del traffico su internet o mediante serie storiche funziona discretamente bene, ma la possibilità di vedere con i propri occhi la situazione a centinaia di metri di distanza è sicuramente un privilegio ancora impensabile anche per gli automobilisti più tecnologici. La Renault ha pensato quindi di realizzare una concept car, la Kwid, che per prima propone un drone radiocomandato in grado di controllare il traffico avanti a sé.

Renault-Kwid-Concept-with-Traffic-Checking-Drone-1

Il drone funziona con la console di comando posizionata sul cruscotto centrale dell’abitacolo, e sarà in grado di scattare fotografie aeree delle zone interessate, girare video in tempo reale trasmettendoli wireless al display dell’auto e a realizzare una serie di rilevazioni utili alla guida. L’auto è d’altro canto davvero futuristica anche nelle forme e nel design, trattandosi di un veicolo a due porte sportivo con un motore turbo da 1,2 litri a doppia frizione, apertura delle porte ad “ali di gabbiano” e una vocazione decisamente fuoristradistica. L’accoppiata col drone funziona bene anche in caso di escursioni montane, consentendo, ad esempio, di controllare lo stato di percorribilità delle principali strade in caso di neve o di piogge consistenti.

Renault-Kwid-Concept-with-Traffic-Checking-Drone-2

Renault-Kwid-Concept-with-Traffic-Checking-Drone-3

Renault-Kwid-Concept-with-Traffic-Checking-Drone-4

Renault-Kwid-Concept-with-Traffic-Checking-Drone-6

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...