Erano in sperimentazione ormai da un anno e finalmente sono arrivate: Facebook consente a tutti i propri utenti di esprimere non più solo una preferenza positiva per i post ma anche un’emozione, elencate per 5 categorie differenti. Le emoticons hanno un design discretamente conosciuto e non apportano novità dal punto di vista grafico, e oltre al “Mi piace” adesso è possibile selezionare: Love, Ahah, Wow, Sigh e Grrr. E’ importante notare come gli psicologi abbiano selezionato 4 sentimenti positivi e 2 negativi. La rabbia e il disappunto hanno meno sfaccettature della felicità, e Facebook lo ha giustamente rimarcato.

Sammi Krug, product manager di Reactions, afferma: “Le persone vengono su Facebook per esprimersi, ma non trovavano un  modo appropriato per manifestare le diverse reazioni possibili. Con reactions abbiamo fornito loro lo strumento giusto per mostrare i propri sentimenti”.

Sammi Krug continua poi a spiegare perché si sia arrivati ad uno spettro emozionale di sole 6 unità: “Siamo partiti con un’idea di 13 o 15 diverse possibilità, ma poi abbiamo capito che a livello universale ne esistono per lo più 6″.

Reactions

Il funzionamento della selezione è immediato ma richiede un attimo di pratica. Passando il dito o il mouse sopra al classico tasto “Mi piace”, si apre uno spettro di emoticons con le quali esprimere il proprio pensiero.

Reactions-3

Accanto al post saranno poi mostrate le differenti emozioni espresse da tutti, visualizzate per ordine di popolarità.

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...