Questione di “Sguardi”: la Storia della fotografia di Sophia Loren e Jayne Mansfield

Aprile 1957. La sera del party della Paramount in onore di Sophia Loren, ventitreenne stella nascente del Cinema internazionale (vincerà l’Oscar nel 1962 per “La Ciociara”) e neo-acquisto della casa di produzione statunitense, il fotografo Joe Shere non immaginava probabilmente che avrebbe scattato l’immagine di gran lunga più famosa della sua carriera. La fotografia riprende lo sguardo di disapprovazione della Loren mentre osserva il décolleté di Jayne Mansfield, attrice dalle doti recitative ben più modeste della nostra connazionale ma che presenziava in modo “dirompente” il jet set hollywoodiano di quel periodo.

La fotografia più famosa della serata mostrava lo sguardo di disapprovazione della Loren mentre osservava uno dei capezzoli della Mansfield, allora ventiquattrenne, che sporgeva dal vestito. Come l’attrice italiana raccontò in un’intervista del 2014, riportata da Coming Soon:

Dove guardano i miei occhi? Sto fissando i suoi capezzoli perché ho paura che esplodano dal vestito e mi finiscano nel piatto. Nella mia espressione potete leggere la paura. Sono così spaventata che tutto quello che è costretto nel suo vestito esploda e finisca sparso su tutto il tavolo.

Cosa ci faceva Jayne Mansfield al tavolo con Sophia Loren?

La Paramount aveva organizzato un party in onore di Sophia Loren per celebrare la sua messa sotto contratto e presentarla ufficialmente negli Stati Uniti. Alla serata era presente tutta la crème di Hollywood, e parteciparvi significava ottenere fotografie che sarebbero state diffuse su tutti i media. Jayne Mansfield, regolarmente iscritta nella lista degli invitati, “irruppe” letteralmente al party, andando a salutare cordialmente Sophia Loren e posizionandosi fra lei e il suo accompagnatore della serata, l’attore Clifton Webb, catturando l’attenzione che sarebbe stata “dovuta” invece alla Loren.

L’entrata in scena della Mansfield fu forse una trovata pubblicitaria (anche se nessuno ha mai confermato questa voce) per pubblicizzare entrambe le attrici, che ottennero in questo modo una visibilità immediata in tutti i giornali. Nonostante durante il party furono scattate tantissime altre fotografie più rilassate, questa immagine, come ha chiarito la Loren stessa nel 2014, raffigura molto l’andamento e lo spirito della serata.

Curiosità:

  • Il fotografo autore della fotografia, Joe Shere, è il fratello di Sam Shere, autore della celebre immagine del disastro del dirigibile Hindenburg del 1937.
  • Jayne Mansfield visse una vita di alterni successi, morendo in un tragico incidente stradale qualche anno dopo, nel 1967, nel quale venne letteralmente decapitata.
  • Sophia Loren non ha mai accettato di autografare la celebre immagine nonostante le tantissime richieste, anche per rispetto alla defunta collega.

Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.