La nuova Boxster Spyder 2016 sta per debuttare al New York Auto Show in programma nei prossimi giorni, e Porsche ha pubblicato il video e i dettagli tecnici in anteprima per svelare quella che sarà l’auto successiva alla Boxster Spyder 2011. L’auto ricorda da lontano la 718 Spyder del 1960 per le gobbe posteriori rispetto ai sedili, e mantiene inalterato il carattere puramente sportivo della serie Boxster.

I fronzoli sono ridotti all’osso, sopratutto per risparmiare peso e dedicarsi al puro piacere di guida. La capote si alza in modo manuale, così come manuale è anche il cambio, ma il motore è il 3,8 litri da 375 cavalli di potenza che promette prestazioni da primato. Le sospensioni sportive hanno un’altezza di 20 millimetri inferiore rispetto al precedente modello, i freni sono stati maggiorati per assicurare la sicurezza anche con prestazioni migliori, lo sterzo è stato rimpicciolito (da 370 a 360 millimetri di diametro) e i sedili sono maggiormente sportivi garantendo una miglior tenuta laterale.

In linea con il tradizionale carattere roadster del modello di serie non sono presenti né radio né condizionatore d’aria, ma sono ordinabili come optional a costo zero. Volendo aumentare anche i comfort interni, è possibile ordinare un pacchetto di navigazione satellitare e comunicazione bluetooth, ma su una vettura del genere avrebbe poco senso.

Parlando di numeri, i dati dichiarati dall’azienda di Stoccarda dicono che l’accelerazione da 0 a 100 avviene in 4,3 secondi e la velocità massima è di 290 chilometri orari, mentre il prezzo si attesterà attorno agli 80.000 euro. Non male per una Spyder!

Porsche Boxster Spyder 2016 1

Porsche Boxster Spyder 2016 2

Porsche Boxster Spyder 2016 3

Porsche Boxster Spyder 2016 4

Porsche Boxster Spyder 2016 5

Porsche Boxster Spyder 2016 6

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...