Per combattere la Depressione Michael Loffler lascia tutto e gira il Mondo come Fotografo

Michael Loffler ha solo 26 anni ma è già stato in più paesi del mondo di quelli che molte persone visiteranno durante tutta la propria vita. Ne corso degli ultimi tre anni, Loffler ha viaggiato per combattere la sua depressione, e sembra sia riuscito a diventare una persona molto meno problematica. Partito  con poco più di una macchina fotografica e alcuni effetti personali, Michael ha visitato luoghi remoti e impervi in paesi come la Cina, l’India, il Perù e il Nepal, scattando fotografie spettacolari e assolutamente accattivanti, scoprendo un talento fotografico nascosto davvero impressionante.

Come fa a permettersi questo stile di vita giramondo? Secondo Loffler è sufficiente parsimonia e attenzione alla spesa. Di solito viaggia in paesi fra l’Asia e Sud America, in modo da guadagnare molto con il cambio sul dollaro. Il suo limite di spesa è di 30 dollari giornalieri, (a dir la verità non proprio pochi) che devono comprendere tutto il necessario per vitto, alloggio e trasporto. Durante il viaggio trova lavoro come insegnante di inglese ma anche come cameriere e altro, e risparmia grazie al couch surfing, l’autostop, il campeggio e altri metodi per non spendere tutti i suoi risparmi.

La fotografia

Anche se è difficile a credersi, le immagini della galleria sono scattate con una Nikon COOLPIX AW100, una compatta rugged da circa 250 euro. Le fotografie di Michael, oltre ad essere evocative, sono decisamente significative per ogni luogo che visita, e consentono allo spettatore di immergersi nella realtà del luogo dove sono state scattate.

La cura della depressione

Loffler riconosce viaggiare è più un sollievo temporaneo che una cura per la depressione. “Se si riesce ad viaggiare abbastanza ci si riesce a sentire meglio, ma è importante ricordare che tutto quello che guadagnerete lo porterete a casa con voi. Il cambiamento viene da dentro, e il viaggio serve a provare ad imparare a trovare quelle cose che servono ad insegnare a se stessi come risolvere i propri problemi. Il viaggio è una fonte di ispirazione, e servirà a cambiare la propria vita, nel bene come nel male”.


Pubblicato

in

da