“Olga la Donna senza Testa”: Storia di un Bizzarro e Popolarissimo Freak Show

Nell’epoca in cui i circhi itineranti presentavano come principali attrazioni i “freaks”, esseri umani con difetti fisici tanto rari quanto evidenti, il pubblico veniva attirato anche con spettacoli di supporto, i sideshows, esibizioni che venivano riproposte anche nei luna-park e nelle fiere.

“Olga, la ragazza senza testa” era uno spettacolo di illusionismo portato da Amburgo fino negli Stati Uniti da un tale che si faceva chiamare “Dottor Heineman”. Prima di approdare in America, il sedicente dottore aveva presentato lo spettacolo a Londra, dove aveva riscosso un enorme successo.

Lo show fu anche presentato all’Esposizione Universale di New York nel 1939, e da allora divenne uno spettacolo da baraccone molto popolare, ancora in voga negli anni ’70 e ’80 del secolo scorso.

Sfruttando il gusto per il macabro, lo spettacolo, malgrado la consapevolezza dell’illusione, doveva risultare (almeno nei decenni dell’anteguerra) piuttosto terrificante: una donna, decapitata per qualche motivo, veniva tenuta in vita grazie a dei tubi che, uscendo dalla gola andavano a finire ad un congegno che doveva fornire il nutrimento necessario.

L’illusione ottica era veramente sconcertante, ma per dare maggiore enfasi al tutto durante lo spettacolo venivano forniti i dettagli del malaugurato incidente che aveva decapitato la povera ragazza:

L’attacco di uno squalo, o un incidente stradale…

Apparentemente, lo spettacolo poteva sembrare piuttosto innocuo: un dottore che illustra una nuova tecnologia, in grado di mantenere in vita il corpo decapitato di una donna. Il corpo privo di mente, che continua a muoversi ed a obbedire ai comandi del medico, per eseguire azioni semplici e talvolta ridicole.

Questo spettacolo, presentato regolarmente fino agli anni ’80 e riproposto anche nel 2002, fu accusato nel corso degli anni di essere un’oggettivazione del corpo femminile, privato della personalità, anima e ragionamento, mostrato sovente in abiti succinti.

Gli appassionati di Horror, d’altro canto, ritengono lo spettacolo uno dei migliori mai realizzati, non soffermandosi sul sospetto maschilismo dell’esibizione. Sia come sia, “Olga la donna senza testa” ha avuto un successo duraturo, e continua a impressionare gli spettatori dei video d’epoca.

Sotto, una dimostrazione dal vivo:

Annalisa Lo Monaco

Lettrice compulsiva e blogger “per caso”: ho iniziato a scrivere di fatti che da sempre mi appassionano quasi per scommessa, per trasmettere una sana curiosità verso tempi, luoghi, persone e vicende lontane (e non) che possono avere molto da insegnare.