Il fotografo Christopher Gillette ha scelto un modo davvero singolare per trascorrere il proprio tempo libero: salvare i coccodrilli che si perdono per le strade delle città e portarli in un centro di accoglienza da lui aperto.  Christopher lavora in un santuario della Florida che ha come scopo salvare gli animali dispersi per il centro delle città, dove possono facilmente accedere a quartieri con delle case dove gli abitanti li possono uccidere legalmente. Per raccogliere il denaro necessario a mantenere in vita il centro di Homestead, il personale ha realizzato un servizio fotografico dove vengono mostrati gli animali e i loro “amici” umani. Il fotografo John Chapa e la fidanzata Adriana Canargo, hanno realizzato questi scatti.

Le parole di Gillette spiegano bene la situazione di queste creature magnifiche: “Gli alligatori solo una volta alla settimana e sono sempre tranquilli. Sanno cosa è e cosa non è cibo ma non si possono in nessun modo domare. Se un “gator” si presenta a casa di qualcuno o in un barbecue o in qualsiasi altro luogo, cosa che, nello stato della Florida, è accaduta differenti volte, lo stato consente alle persone di ucciderli. Ci sono circa 7.000 segnalazioni di alligatori fastidiosi ogni anno, e il nostro lavoro è tentare di accorrere per salvarli da una morte causata da tutto fuorché una loro colpa“.

Nuotando con gli alligatori1

Nuotando con gli alligatori2

Nuotando con gli alligatori3

Nuotando con gli alligatori4

Nuotando con gli alligatori5

Nuotando con gli alligatori6

Nuotando con gli alligatori7

Nuotando con gli alligatori8

 

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...