I concorsi di bellezza sono uno dei punti fermi della cultura occidentale, in particolare del Nord America ma anche in Italia e in altre nazioni limitrofe. Proprio perché celebranti l’effimero, vennero banditi dall’Unione Sovietica nel 1959:

Nessuna donna poco vestita, nessuna moda sfrontata, nessuna celebrazione della bellezza

Il divieto decadde con la presa del potere da parte di Mikhail Gorbaciov, che a 54 anni divenne il più giovane Segretario Generale del Partito Comunista Sovietico. La sua nomina significò una nuova era di libertà sociale per i cittadini dell’URSS, inclusa la rimozione del divieto a organizzare concorsi di bellezza.

Nel 1988 si svolse il concorso di bellezza “Moscow Beauty 1988”, che sarebbe poi diventato Miss Russia negli anni successivi

Il concorso venne sponsorizzato dalla rivista di moda tedesca “Burda Moden”, il cui proprietario ed editore, la signora Burda, era una dei membri della giuria. Le ragazze che parteciparono trovarono diversi ammiratori tra produttori cinematografici, fotografi di moda, investitori stranieri, stilisti e così via. Partecipare a un concorso di bellezza in quel momento significava in larga misura andare contro l’opinione pubblica prevalente, qualcosa alla quale solo ragazze indecenti o di cattive abitudini potevano prendere parte.

Fra le circa 5.000 iscritte, alla fine vinse una studentessa di nome Masha Kalinina, che venne incoronata “Miss URSS” soltanto l’anno seguente, con il concorso che sarebbe rimasto in vigore per soli altri 3 anni sino alla dissoluzione dell’Unione Sovietica. La prima edizione si svolse al palazzo dello sport Luzhniki di Mosca. Di Masha non si sa molto, se non che ha partecipato all’horror Stay Alive nel 2006 e che oggi è istruttrice di Kundalini Yoga a Los Angeles.

La si vede nel video sottostante mentre torna in Russia, nel 2012:

Da quel 1988 il concorso divenne nel 1989 Miss URRS e nel 1993 Miss Russia, dando poi l’accesso a tutte le competizioni internazionali più famose come Miss Mondo e Miss Universo (dove le donne russe hanno vinto per 3 volte).

Sotto, vengono prese le misure a una partecipante:

Alcune donne compilano la domanda d’iscrizione:

Alcune ragazze si preparano:

Diverse ragazze fanno la fila per iscriversi:

Un fotografo scatta alcune immagini a tre ragazze:

Alcune immagini durante i momenti del concorso, con la vincitrice al centro:

Sotto, a destra, Masha Kalinina:

Sotto, la vincitrice Masha Kalinina:

Sotto, un video mostra alcuni momenti preparatori e del concorso di Miss Mosca 1988:

Categorie: Moda e Costume

Matteo Rubboli

Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...