Non c’è dubbio che gli affari debbano andare bene al McGuire’s Irish Pub di Pensacola, in Florida: all’interno, su soffitto e pareti, esposte in bella mostra, sono raccolte oltre un milione di banconote da un dollaro, per una cifra totale che probabilmente non si riesce a trovare nemmeno in una banca di quartiere.

Fonte immagine: McGuire’s Irish Pub via Pensapedia.com

L’Irish Pub di William “McGuire” Martin fu inaugurato nel 1977: era un piccolo pub di quartiere, all’interno di un centro commerciale, dove il proprietario faceva al tempo stesso da cuoco e barista, mentre la moglie Molly serviva ai tavoli. Quando Molly ricevette il suo primo dollaro di mancia, lo attaccò sulla parete dietro il bancone del bar, come portafortuna. Nei giorni successivi, amici e clienti decisero di contribuire a quella che sarebbe diventata una singolare collezione, trasformatasi in una tradizione: ogni banconota è firmata con un pennarello nero.

Nel 1982, senza sognarsi neanche di utilizzare i dollari portafortuna (che evidentemente hanno funzionato), l’Irish Pub si trasferì in un vecchio edificio, costruito nel 1927, che un tempo era la caserma dei pompieri. Niente a che vedere con il piccolo locale del centro commerciale: nell’ex caserma, Martin ha aperto un ristorante con 600 posti a sedere, suddivisi in suggestive stanze a tema, oltre a un pub in vecchio stile irlandese. Ogni centimetro delle pareti è tappezzato da banconote da un dollaro, oppure da fotografie autografate di personaggi famosi del mondo politico, dello sport e dello spettacolo, ma anche da una decina di teste d’alci!

Anche se si tratta di denaro “immobilizzato”, l’azienda paga le tasse sui dollari che si vanno ad aggiungere sulle pareti del locale: ogni anno, l’incaricato della contabilità impiega circa tre giorni per fare l’inventario delle banconote.

La tentazione di portarsi via qualche banconota è troppo forte: qualcuno è stato sorpreso nel tentativo di pagare qualche acquisto con delle banconote firmate con un pennarello nero. Troppo riconoscibili per non essere facilmente individuate e restituite al pub, mentre il ladro rischia fino a 60 giorni di carcere.

Chi ruba di più, come il dipendente accusato di aver “prelevato” all’incirca 5000 dollari, rischia in proporzione una pena assai severa…C’è anche chi aggira l’ostacolo cambiando le banconote firmate nel distributore di monete di un vicino impianto di autolavaggio, che registra così parecchie perdite. Quando capita, il proprietario chiama il “McGuire”, piuttosto arrabbiato…

Ma, soprattutto, chiunque sia sorpreso a prelevare un piccolo souvenir in banconote, non potrà mai più mettere piede nel locale.

Fonte immagini, dove non diversamente specificato: travellingwithtonya

Annalisa Lo Monaco
Annalisa Lo Monaco

Lettrice compulsiva e blogger “per caso”: ho iniziato a scrivere di fatti che da sempre mi appassionano quasi per scommessa, per trasmettere una sana curiosità verso tempi, luoghi, persone e vicende lontane (e non) che possono avere molto da insegnare.