Il Morbid Anatomy Museum (museo di anatomia patologica), uno spazio di quasi 1.300 metri quadrati che domina un angolo senza pretese di una strada di Brooklyn, a New York, nasconde un segreto. Il museo è conosciuto per le sue lezioni su molti argomenti curiosi, per i suoi popolari laboratori di tassidermia, e per la sua biblioteca di ricerca. Ma fino al 30 maggio sarà anche la sede di una mostra singolare, La maschera di cera, probabilmente la più grande e ampia collezione di cere anatomiche degli Stati Uniti.

Particolare delle ciglia vere di una “Venere anatomica”

La maschera di cera in mostra a New York 15La mostra si compone di dettagliate figure di cera, maschere mortuarie, busti etnografici e corpi umani, tutte realizzate più di 100 anni fa.

La maschera di cera in mostra a New York 01I pezzi esposti provengono prevalentemente dal Castan Panopticum di Berlino, che rimase aperto tra il 1869 e il 1922. Si trattava di una sorta di museo che, mettendo in mostra queste opere di cera, voleva mostrare alle “masse” un po’ di tutto: anatomia spicciola, eccitanti nudità, busti di persone appartenenti a culture diverse, e personaggi famosi come grandi generali, poeti, assassini…

La maschera di cera in mostra a New York 07 Al centro della mostra si trovano due “Veneri anatomiche”, bellezze di cera con capelli intrecciati, lunghe ciglia e facce tranquille, nonostante abbiano l’addome aperto, per mostrare i feti non nati all’interno.

La maschera di cera in mostra a New York 13 Questi oggetti, popolari dal 18° secolo fino ai primi anni del 20°, sono un perfetto esempio della combinazione tra divertimento e istruzione, eccitazione e informazione, sesso e arte, che caratterizzava quel particolare tipo di museo, frequentato da un pubblico popolare.

Particolare di una cera ostetrica, che mostra un parto travagliato.

La maschera di cera in mostra a New York 02

Tre busti etnografici, quello al centro è di “un nobile cinese”, mentre gli altri non sono definiti.

La maschera di cera in mostra a New York 03

L’interno dello scaffale contiene una varietà di teste maschili, in diverso stato di conservazione, e non tutte provenienti da Berlino.

Un busto di cera dall’aria pensosa mostra cinque punti di sutura sulla lingua. 

La maschera di cera in mostra a New York 10

Maschere mortuarie di personaggi famosi, quella in alto al centro è di Napoleone. In basso, da sinistra a destra: Henrik Ibsen, drammaturgo norvegese; Sconosciuto; Maria Stuarda, regina di Scozia; Kaiser Guglielmo I, Re di Prussia, primo imperatore della Germania e primo capo di stato della Germania unita; Karl XII, re di Svezia (1697-1718).

La maschera di cera in mostra a New York 04

Particolare delle mani del medico, complete di polsini del camice, su una delle “Veneri anatomiche”.

La maschera di cera in mostra a New York 05

Busto di cera che raffigura una donna ingioiellata, affetta da un angioma comunemente detto “voglia di vino”, responsabile della colorazione rosso-violacea della pelle.

La maschera di cera in mostra a New York 06

Nascosta in un angolo dietro ad una tenda rossa, la cera a figura intera del serial killer tedesco Friedrich Heinrich Karl “Fritz” Haarmann (1879 – 1925). Soprannominato “il Macellaio di Hannover”, violentò, uccise, mutilò e smembrò almeno 24 ragazzi e giovani uomini tra il 1918 e il 1924 ad Hannover, in Germania. Ebbe anche altri soprannomi: il “vampiro di Hannover” e “l’uomo lupo”, per la sua abitudine di mordere la gola delle sue vittime, che vengono ricordate da due mani senza corpo, abbandonate ai suoi piedi.

La maschera di cera in mostra a New York 11

Modello in cera che mostra una donna, durante una visita oculistica. La maschera di cera in mostra a New York 12

Figure in cera, raffiguranti persone appartenenti a razze “esotiche” servivano a soddisfare la curiosità popolare.

La maschera di cera in mostra a New York 14

La maschera di cera in mostra a New York 16

Annalisa Lo Monaco
Annalisa Lo Monaco

Lettrice compulsiva e blogger “per caso”: ho iniziato a scrivere di fatti che da sempre mi appassionano quasi per scommessa, per trasmettere una sana curiosità verso tempi, luoghi, persone e vicende lontane (e non) che possono avere molto da insegnare.