A Joshua Tree, in California, l’artista Phillip K Smith III ha realizzato un progetto basato sul gioco di luci e specchi denominato Lucid Stead. L’opera è subito diventata meta di centinaia di curiosi che desiderano vedere con i propri occhi una ristrutturazione artistica unica nel proprio genere. Composta da specchi, illuminazione a LED e apparecchi elettronici costruiti su misura per l’ex-baracca ed una programmazione con Arduino, la ristrutturazione artistica si amalgama con una struttura preesistente che era poco più di una casupola per gli attrezzi in sfacelo. L’intervento potrebbe sembrare, ad un primo sguardo, un alieno atterrato in un deserto americano, ma poi, analizzando a fondo, si capisce come la cosa sia un’esperienza delirante, quasi spirituale.

Casa a specchio nel deserto-0000

L’aspetto della costruzione cambia con le ore del giorno: uno specchio riflettente del deserto durante le ore di luce, per mutare poi progressivamente in una forma luminosa quasi psichedelica e fortemente colorata con porte e finestre verdi, rosse e blu. La geometria delle linee delle tavole di legno e di specchio sono un tocco matematico in un ambiente caotico come il deserto, e la trasformazione cromatica quasi un’esperienza mistica nel bel mezzo del nulla.

Casa a specchio nel deserto-0001

Smith spiega il proprio progetto come: “Lucid Stead muta con la quiete e il ritmo del cambiamento del deserto. Quando cala l’oscurità la casa si allinea con il deserto, ed il suo svolgimento segue le mutazioni naturali della luce ambientale“.

Casa a specchio nel deserto-0002

Il video sottostante e le immagini della Lucid Stead mostrano molto bene il cambiamento della casa fra le varie ore della giornata.

Casa a specchio nel deserto-0003

Casa a specchio nel deserto-0004

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...