Luciano Pia e Ubaldo Bossolano sono gli architetti che hanno dato vita a questo innovativo e meraviglioso condominio a Torino, battezzato 25 Verde. Vivere in un ambiente urbano presenta indubbiamente molti vantaggi, ma d’altro canto si è spesso soggetti ad inquinamento acustico e da polveri sottili, oltre a non poter usufruire, in molti contesti, di spazi verdi adeguati. Questo condominio, composto da 63 appartamenti, minimizza gli svantaggi della vita in città grazie alla creazione di un bellissimo “bosco in vaso”. La facciata presenta anche alberi metallici che contribuiscono a dare all’edificio l’aspetto di una magnifica casa sull’albero. Ci sono 150 alberi sparsi lungo l’esterno della struttura residenziale, che assorbono quasi 200.000 litri di anidride carbonica all’ora durante la notte, producendone ben 150.000 l’ora durante il giorno.

Condominio fra gli alberi a Torino 05

Così il verde non è solo una componente esteticamente gradevole, ma il suo assorbimento naturale aiuta a eliminare le sostanze inquinanti nocive (come i gas di scarico delle auto) e il fastidioso rumore esterno. Anche gli interni dell’edificio hanno beneficiato della presenza del verde circostante, grazie all’ombreggiatura estiva. Ogni unità abitativa ha terrazzi per la vegetazione, ma oltre alle piante sui balconi ci sono anche i giardini sul tetto, che danno ulteriormente l’idea di una casa sull’albero. Anche se la sua ispirazione viene da un sogno infantile, gli architetti hanno garantito, con il loro progetto, benefici reali per i fortunati inquilini del condominio.

Condominio fra gli alberi a Torino 01

Condominio fra gli alberi a Torino 04

Condominio fra gli alberi a Torino 03

Condominio fra gli alberi a Torino 06

Condominio fra gli alberi a Torino 07

Condominio fra gli alberi a Torino 08

Condominio fra gli alberi a Torino 09

Condominio fra gli alberi a Torino 10

Fotografie di Beppe Giardino

Annalisa Lo Monaco
Annalisa Lo Monaco

Lettrice compulsiva e blogger “per caso”: ho iniziato a scrivere di fatti che da sempre mi appassionano quasi per scommessa, per trasmettere una sana curiosità verso tempi, luoghi, persone e vicende lontane (e non) che possono avere molto da insegnare.