“Deutschland Erwache” (Germania svegliati) è una incitazione che veniva usata spesso nella Germania nazista, sia in canzoni che libri di propaganda. Uno di questi libri, scritto nel 1930, conteneva molte foto di Hitler, alcune delle quali, col tempo, divennero sgradite al Führer. Nel 1945, un soldato inglese rinvenne il libro, tra le macerie di una casa danneggiata dai bombardamenti. Conservato per tutti questi anni dalla famiglia del militare britannico, il libro ha fornito il materiale, e l’ispirazione, a Trevor Salisbury, per il suo “The Rise of Hitler”, storia fotografica dell’ascesa del dittatore.

Le foto che Hitler non gradiva 01

Hitler vietò la pubblicazione di alcune sue fotografie, perché le considerava poco dignitose, se non imbarazzanti.

Le foto che Hitler non gradiva 02

Con il berretto allacciato:

Le foto che Hitler non gradiva 03

Foto di gioventù:

Le foto che Hitler non gradiva 04

Vogliamo ricordare anche un altro libro, dallo stesso titolo, scritto da Ernst Ottwalt (1901 – 1943), scrittore e drammaturgo tedesco, il cui nome è oggi quasi sconosciuto e dimenticato. Alla fine della prima guerra mondiale aderì al partito nazionalista Freikorps, da cui poi si dissociò totalmente, unendosi al Partito comunista (Kommunistische Partei Deutschlands). Nel 1932 scrisse un opuscolo intitolato appunto “Deutschland Erwache”: una precoce quanto chiaroveggente analisi dei rischi a cui andava incontro la Germania con il trionfo del nazionalsocialismo.

Le foto che Hitler non gradiva 05

Quando, nel maggio del 1933, gli studenti nazisti misero al rogo tutti i libri sgraditi al regime, furono bruciati anche quelli di Ottwalt, inseriti nella lista nera del dirigente nazista Wolfgang Herrmann, che lo definì uno dei “parassiti reali” (insieme a molti altri scrittori), eliminando di fatto i suoi libri dal commercio e dalle biblioteche.

Le foto che Hitler non gradiva 06

Nel 1933 Ottwalt andò in esilio, prima in Danimarca, poi in Cecoslovacchia, e infine in Unione Sovietica, dove fu poi accusato di spionaggio dalla polizia segreta sovietica, condannato ai lavori forzati, e deportato in un gulag vicino ad Archangelsk, dove morì nel 1943.

Le foto che Hitler non gradiva 07

In cravatta e calzettoni bianchi:

Le foto che Hitler non gradiva 08

Il libro di propaganda nazista sosteneva che gli occhi dei bambini “si accendono quando il Führer è vicino”.

Le foto che Hitler non gradiva 10

Annalisa Lo Monaco
Annalisa Lo Monaco

Lettrice compulsiva e blogger “per caso”: ho iniziato a scrivere di fatti che da sempre mi appassionano quasi per scommessa, per trasmettere una sana curiosità verso tempi, luoghi, persone e vicende lontane (e non) che possono avere molto da insegnare.