Realizzate per necessità diverse in varie zone del mondo, queste otto antiche strutture sotterranee rappresentano fantastici esempi di ingegneria edile del mondo antico, capolavori di manodopera quando le macchine di escavazione non erano nemmeno nei sogni di operai e tecnici all’opera. Alcune di esse, ancor oggi, rappresentano un enigma irrisolto per la qualità e precisione delle loro finiture.

Cisterna Basilica a Istanbul

Cisterna-Basilica

Nascoste sotto la città di Istanbul si trovano centinaia di antiche cisterne che immagazzinavano l’acqua durante l’epoca dell’Impero Romano d’Oriente. La più grande e bella di tutte è senza dubbio la Cisterna Basilica, così spettacolare da poter facilmente essere scambiata per un tempio sacro. La Cisterna si trova a soli 150 metri a sud ovest della celebre Santa Sofia, e fu fatta costruire dall’imperatore bizantino Giustiniano I durante il 532. Le dimensioni di questo “tempio dell’acqua” sono imponenti: 138 metri di lunghezza per 64,6 metri di larghezza, con una superficie totale di quasi 1.000 metri quadrati.

La capienza complessiva della cisterna è di circa 80.000 metri cubi d’acqua, ed è così ben conservata che ancora oggi è abitata da alcuni pesci. Per costruirla furono utilizzati materiali di recupero come ad esempio colonne di altri edifici, ma l’estetica complessiva non ne fu certo inficiata. Delle 336 colonne di marmo che sorreggono la struttura ve ne sono due particolarmente significative, con alla base due teste di medusa. I volti della donna uccisa da Perseo sono rivolti verso il basso, per impedire il potere pietrificante dello sguardo della Gorgone. Curiosità: questa cisterna è visibile nel film di 007 “Dalla Russia con Amore”.

La grotta di conchiglie di Margate nel Kent

grotta-di-conchiglie-di-Margate-nel-Kent-05

Nella città inglese di Margate, nel Kent, si trova una grotta che rappresenta un vero e proprio enigma irrisolto per gli archeologi di tutto il mondo. La grotta di conchiglie, che prende il nome dalla città omonima, fu scoperta nel 1835 dal preside di una scuola locale, James Newlove, che voleva costruire un laghetto nel proprio giardino. Quando iniziò a scavare si imbatté nell’antica costruzione, che conta più di 4 milioni di conchiglie ed è grande oltre 600 metri quadrati. da allora sono trascorsi quasi 200 anni, ma nessuno studioso è stato in grado di identificare il costruttore di quest’opera d’arte né tantomento i motivi della sua edificazione.

Derinkuyu e le città sotterranee della Cappadoccia

Derinkuyu la misteriosa citta sotterranea della Turchia 4

La regione della Cappadocia, nella zona della Turchia centrale, ospita spettacolari paesaggi rocciosi e intere città sotterranee, risultando una delle zone paesaggisticamente più affascinanti del mondo. In quest’area sono state scoperte più di 200 città sotterranee, che venivano utilizzate durante i periodi di guerra dagli abitanti del luogo.

Derinkuyu la misteriosa citta sotterranea della Turchia 5

La più spettacolare città della Cappadoccia è Derinkuyu, con undici livelli di profondità, 600 ingressi e gallerie di collegamento ad altre città sotterranee che corrono lungo decine di chilometri sotto terra. La città era in grado di ospitare migliaia di persone durante il periodo del suo massimo splendore, e contava su zone per dormire, pozzi, cisterne, sale comuni, sale da bagno, tombe, scuole e chiese.

Qanat Firaun

Qanat-Firaun

Il Qanat Firaun, traducibile come “canale dei Faraoni”, è il più lungo acquedotto sotterraneo al mondo e, diversamente da come suggerisce il nome, l’origine risale al tempo degli antichi romani. I tunnel sono stati studiati da Mathias Döring, docente di idromeccanica di Darmstadt, in Germania, che svelato molti dei dettagli costruttivi di quella che è una delle opere ingegneristiche maggiormente notevoli di tutta l’antichità. Il sistema di tunnel consentiva di rifornire con acqua di fonte 10 città (decapoli) in una regione oggi compresa fra Giordania, Siria e Palestina, e si concludeva a Gadara, che allora contava ben 56.000 abitanti.

170 chilometri di tunnel e canali con una pendenza del 3 per 1000 (30 centimetri ogni chilometro) rifornivano di acqua decine di migliaia di persone, e furono completati durante un periodo di circa un secolo di lavoro. L’opera fu iniziata nel 90 dopo Cristo e completata, con uno sforzo sovrumano di migliaia di persone, il secolo successivo.

Chavín de Huántar

Chavín-de-Huántar

Chavín de Huántar è un sito archeologico situato nella regione di Ancash in Perù, situato a 250 chilometri a nord di Lima. Il villaggio rappresenta le rovine di una civiltà precedente agli Inca, gli Chavín, che vissero in questa regione del Sudamerica prima della famosa civiltà precolombiana. Chavín de Huántar si trova a circa 3000 metri sopra il livello del mare e fu costruita attorno al 900 avanti Cristo.

Lanzon

Sotto al livello del terreno si trovano delle spettacolari camere sotterranee che contengono sculture e opere artistiche di assoluto rilievo. Il Lanzon, ad esempio, è una scultura granitica alta 4,5 metri che è centrale all’interno del tempio, scolpito da un blocco di diorito (una variante del granito di difficilissima lavorabilità) e dall’effetto scenico imponente.

I tunnel sotterranei di Roma

Tunnel-Roma

Tutti conoscono le famose catacombe romane, i cimiteri nei quali venivano sepolti i primi cristiani abitanti dell’Urbe, ma pochi sono a conoscenza dell’infinita rete di tunnel che si estende per la maggior parte nella zona sud-orientale della città. Questi sono le fondamenta “vuote” della città, scavate all’inizio della storia di Roma e sprofondate nel corso dei secoli a livelli sempre più bassi. Questi labirinti sono stati usati come luogo di coltivazione dei funghi, reti fognarie abusive e, in ultimo, come rifugio durante la Seconda Guerra Mondiale.

I tunnel sono un vero e proprio pericolo per la città, con decine di crolli annuali di strade ed edifici nelle cavità sotterranee. Al loro interno sono presenti strade e loculi, e vengono continuamente tenuti sotto controllo per prevenire ulteriori cedimenti strutturali.

Le cave sotterranee di Nottingham

cave-sotterranee-nottingham

Sotto le strade di Nottingham, in Inghilterra, si trovano quasi 500 grotte artificiali scavate nell’arenaria naturale. Nel corso dei secoli sono state utilizzate per i più disparati scopi fra i quali cave di pietra, fornaci per cucinare la malta, abitazioni, cantine per conservare i cibi, rifugi antiaerei, miniere di sabbia e, come impiego più famoso, come carceri, ospitando anche il famoso Robin Hood (o almeno così vuole la leggenda).

Del fatto che Nottingham fosse una città che si sviluppava anche in senso sotterraneo ne abbiamo testimonianza sin dall’868, anno in cui il monaco gallese Asser scrive del villaggio riferendosi a “Tig Guocobauc”, che significa “casa o luogo di grotte” in antico inglese. Nel 1067 i Normanni costruirono il castello di Nottingham sopra lo sperone di arenaria più imponente, e da lì partì lo sviluppo della città, che si estese sia a livello terra sia nel sottosuolo. Durante il medioevo la città conobbe una relativa fortuna a causa del commercio e produzione di lana, ceramica e altri mestieri, che venivano in parte svolti nelle caverne scavate nella roccia. Lo scavo delle grotte proseguì certamente sino al 1800, quando ne furono aperte e ampliate altre sotto la città. Purtroppo soltanto 50 anni dopo, a metà del XIX secolo, la riqualificazione del centro di Nottingham fece perdere moltissime delle grotte e dei tunnel scavati nei secoli precedenti.

Le grotte di Longyou in Cina

Longyou-grotte-cina

Situate vicino al villaggio di Shiyan Beicun nella provincia dello Zhejiang, in Cina, le grotte di Longyou possono essere considerate come una vera e propria meraviglia del mondo antico. Costruite oltre 2000 anni orsono e scoperte soltanto nel 1992 da un agricoltore locale, queste grotte non hanno un autore né si ha la minima idea di come possano esser state costruite. Sino ad oggi sono state scoperte 24 grotte, di cui una aperta al pubblico, per una superficie scoperta di circa 30.000 metri quadrati. Le caverne artificiali sono scavate all’interno di una pietra chiamata Siltite, con un’altezza massima nei punti più alti di circa 30 metri. All’interno delle grotte si trovano numerosi pilastri che ne sostengono i soffitti, e tutte le pareti sono incredibilmente rifinite, un’opera di abbellimento che ha lasciato letteralmente senza spiegazione tutti gli studiosi che le hanno studiate.

Nonostante siano passati oltre 2.000 anni dalla loro realizzazione non sono state trovate tracce di cedimenti, crolli o problemi strutturali. Sostanzialmente è come se queste grotte fossero state scavate da pochissimo tempo, dato il livello della loro conservazione.

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...