Il misterioso Tesoro dei Templari affascina da secoli archeologi e avventurieri. Le fonti riguardanti le ricchezze accumulate dall’Ordine sembrano rievocare un’avventura cavalleresca ambientata duranti gli anni dell’amor cortese, e capire se queste teorie siano realtà o fantasia rappresenta per molti una lotta e caccia d’ingegno.

Chi erano i templari?

Chiamati originariamente “I Poveri Cavalieri di Cristo”, i templari erano cavalieri cristiani che appartenevano all’Ordine del Tempio, nato a Gerusalemme nel 1118 allo scopo di proteggere la Terra Santa dagli infedeli. Nel 1228, grazie soprattutto alle loro imprese durante le crociate contro i mori, furono riconosciuti dalla Chiesa come ordine indipendente al quale andavano concessi terreni, denaro e potere.

Sotto, il sigillo dei Templari:

Grazie a ciò l’Ordine potè amministrare autonomamente i propri territori e si espanse in tutta Europa. Questo periodo di prosperità durò fino a venerdì 13 ottobre 1307, quando Filippo IV, re di Francia, indusse il pontefice Clemente V ad aprire un processo contro i templari.

Il re, a causa delle proprie mire espansionistiche e delle continue lotte con l’Inghilterra, era quasi in bancarotta, e il popolo francese era esasperato dalla crisi economica accentuata dalla svalutazione della moneta. Per Filippo il Bello, le ricchezze dell’Ordine rappresentavano un tesoro immenso con cui rimpinguare le tasche dello stato. Tesoro che non fu mai trovato.

Il primo quartier generale dei Cavalieri templari, da loro chiamato il “Tempio di Salomone”, a Gerusalemme. Fotografia condivisa con licenza CC BY-SA 3.0 via Wikipedia:

Le accuse a carico dei templari erano soltanto il riflesso delle paure peggiori del monarca: il soppiantamento del potere della corona da parte dell’Ordine; eppure bastò questo a far processare, torturare e condannare a morte tramite impiccagione, squartamento o sul rogo centinaia di cavalieri.

Dov’è il Tesoro dei Templari?

Secondo alcune ipotesi fatte da diversi studiosi ed esperti di quel periodo storico, il tesoro dei Templari potrebbe essere arrivato addirittura in America. Secondo alcune teorie i cavalieri appartenenti all’Ordine dei Templari conoscevano la rotta per arrivare nelle Americhe. Purtroppo non si ha nessuna fonte certa sull’argomento, ma solo ipotesi fondate su alcuni piccoli particolari, come ad esempio la presenza di piccole croci rosse sulle bandiere delle caravelle di Colombo.

La Battaglia di Hattin, nel 1187, il punto di svolta delle Crociate:

Altri studiosi pensano invece che i cavalieri riusciti a fuggire a Re Filippo il Bello abbiano trasportato il tesoro in Nuova Scozia, più precisamente ad Oak Island, in cui recentemente sono stati trovati simboli massonici incisi su pietre.

Secondo altri, il tesoro non lasciò mai la Francia, come nel caso di Gérard de Sède (1921 – 2004), noto scrittore francese, sostenne che a lungo che il tesoro dei templari fu spostato da Parigi nella notte tra il 12 e il 13 ottobre 1307. Ma dove approdò?

Alcuni Templari vengono bruciati. Cronaca anonima dal titolo “Dalla creazione del mondo al 1384”, Bibliothèque Municipale, Besançon, Francia.

 
Vanilla Magazine Club
Gruppo Chiuso · 4986 membri
Iscriviti al gruppo
Il gruppo ufficiale di Vanilla Magazine. Hai un suggerimento, un'idea o una semplice opinione per nuovi post, correzioni per quelli già pubblicati o ...
 

Secondo de Sède il tesoro fu diviso in più parti, per la precisione in tre carri, in modo da eludere le guardie e i posti di blocco posti lungo le strade francesi, che avevo lo scopo di evitare che l’oro raggiungesse la costa, e portato a Gisors nella fortezza dei tre carri.

Nonostante tesi e ipotesi, il tesoro dei templari, se davvero è mai esistito, non è mai stato trovato.