La “Newspaper Rock” è un’antichissima pietra che si trova nello Utah, negli Stati Uniti, e conserva una delle più grandi collezioni al mondo di petroglifi. La pietra, che ha un’area di circa 19 metri quadrati, fa parte delle scogliere verticali di arenaria Wingate che racchiudono l’estremità superiore del canyon “Indian Creek”, e comprende petroglifi che mostrano forme umane, animali, materiali ed astratte.

Fotografia condivisa con licenza Creative Commons 2.0 via Flickr:

Le prime sculture del sito risalgono a circa 2.000 anni fa, e furono realizzate da persone di diverse tribù, fra cui gli Archaic, Anasazi, Fremont, Navajo, Anglo e Pueblo.

In lingua Navajo la roccia si chiama “Tse ‘Hone'” traducibile come “Roccia che racconta la storia”

Fotografia condivisa con licenza Creative Commons via Wikipedia:

I petroglifi furono scolpiti dai nativi americani durante periodi preistorici e storici, e complessivamente si contano circa 650 disegni. Il motivo per cui fu riempita una roccia singola in modo così anomalo non è per nulla chiaro, ma ci consente di comprendere meglio la storia dei Nativi Americani, popolo ormai quasi scomparso dalla storia.

Fotografia condivisa con licenza Creative Commons via Wikipedia:

Le incisioni rupestri della Newspaper Rock furono scavate nel rivestimento scuro della roccia, chiamato anche “vernice del deserto”. Questo è un deposito composto da manganese e ferro, che formano una patina sopra le scogliere di arenaria a causa dell’azione delle piogge e dei batteri. Gli antichi artisti disegnarono le figure non scavandole nella roccia, ma rimuovendo la vernice nera per scoprire il colore della roccia sottostante. Oggi i disegni più antichi stanno diventando sempre più scuri, mentre la nuova vernice li ricopre lentamente.

Fotografia condivisa con licenza Creative Commons via Wikipedia:

La Newspaper Rock è un monumento nazionale statunitense dal 1961, protetto per ricordare la storia delle popolazioni che, sino a 300 anni orsono circa, vagavano libere per gli sconfinati territori americani.

Fotografia condivisa con licenza Creative Commons via Wikipedia:

Fotografia condivisa con licenza Creative Commons via Flickr:

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...