Xin Zhui, conosciuta anche come Lady Dai o marchesa di Dai, fu la moglie di Li Cang, cancelliere per il feudo imperiale di Changsha durante la dinastia Han (206 aC – 220 dC). Morì nel 163 a.C e, nonostante di lei non si sappia molto, questa donna cinese vissuta oltre 2.000 anni fa guadagnò la propria fama durante gli anni ’70, quando venne rinvenuto il suo sarcofago durante uno scavo per la costruzione di un rifugio antiaereo. La tomba fu scoperta a Mawangdui, a Changsha, nella regione dello Hunan, in Cina.

La sua mummia è l’indiscussa “regina” del mantenimento fisico, per l’incredibile completezza del corpo ad una distanza di tempo così lunga

Sotto, la ricostruzione di come doveva apparire la donna in vita. Fotografia di pubblico dominio via Wikipedia:

ricostruzione-xin-zhui

La sua pelle è ancora morbida, le gambe e le braccia si possono piegare, i suoi organi interni sono ancora intatti. Il cadavere ha anche mantenuto sangue a sufficienza da poterne capire il tipo, A positivo, ed ha ancora ciglia e capelli al proprio posto, dopo quasi 2.200 anni dalla data della morte.

I piedi. Fotografia di Gary Todd di pubblico dominio via Flickr:

mummia-xin-zhui-4

Quando morì, la donna venne avvolta in 22 abiti di seta e canapa, stretta da 9 nastri di seta ed il volto coperto da una maschera. La sua bara venne poi inserita all’interno di altri 6 sarcofagi e il corpo immerso in un liquido la cui composizione rimane ancora in parte misteriosa.

Fotografia di Gary Todd di pubblico dominio via Flickr:

xin-zhui-3

L’autopsia ha rivelato che Xin Zhui soffriva di mal di schiena, di ipertensione, di arteriosclerosi, di calcoli biliari, di diabete, di diverse malattie del fegato ed era inoltre sovrappeso, conseguenza della sedentarietà legata alle malattie precedenti. Oltre ai non pochi acciacchi, aveva il cuore gravemente danneggiato, che la portò a morire all’età di 50 anni, dopo una vita di lussi e agi come nobile cinese.

Fotografia di Gary Todd di pubblico dominio via Flickr:

mummia-xin-zhui-2

Lo stato di conservazione ha dato agli archeologi il profilo di indagine medica più completo mai effettuato su di un antico essere umano, una finestra su di un nostro antenato assolutamente unica al mondo. Se esistono numerose mummie di persone mantenutesi nell’aspetto simili (o vagamente simili) a quando erano in vita (si pensi ad esempio alla Mummia del Similaun, Ötzi), la Mummia di Xin Zhui è indiscutibilmente un unicum nel proprio genere. Per pensare ad un metro di paragone con un suo quasi-contemporaneo, questa donna era morta da oltre un Secolo quando Giulio Cesare veniva assassinato durante la congiura in Senato.

 

Sotto, i diversi livelli del sarcofago dove era ospitata la mummia:

schema-sarcofagi-xin-zhui

All’interno della tomba, oltre la mummia di Xin Zhui, vennero rinvenuti oltre 1.000 oggetti e manufatti di quel periodo, che rendono la scoperta del sepolcro cinese una delle più importanti del XX Secolo.

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...