Qualche giorno fa Lytro, l’azienda che ha sviluppato la tecnologia plenottica, ha presentato la Lytro Illum, una fotocamera compatta destinata a rivoluzionare la fotografia digitale. La macchina originale però si chiama semplicemente Lytro, è caratterizzata da un corpo macchina a parallelepipedo e da uno zoom ottico di 8X. L’apertura rimane di f/2.0 su tutta l’estensione dello zoom, e consente di ottenere foto nitide anche in condizioni di bassa luminosità. Le differenze con la sua sorella più grande sono non solo estetiche ma anche legate alle funzionalità. Il sistema di controllo è touch sulla parte superiore della superficie gommata del corpo macchina, mentre per visionare le fotografie e le inquadrature è presenta un display nella parte posteriore della fotocamera. Il sensore da 11 MegaRay è già più che sufficiente, ma è ben distante dai 40 MegaRay offerti dalla Illum.

Lytro Originale in offerta su Amazon

lytro-fotocamera-plenottica

Per poter ottenere l’immagine completamente modificabile secondo i parametri come la messa a fuoco o la prospettiva è necessario caricare le fotografie sul sito della Lytro, potendo poi modificarle a proprio piacimento. E’ disponibile anche un’App per i dispositivi iOS che consente di regolare i parametri direttamente dal proprio iPhone o iPad, mentre per condividerle sui social sono disponibili tutti gli strumenti del caso. Con l’uscita della Illum la fotocamera originale ha subito un consistente deprezzamento passando dai 700 euro iniziali sino agli attuali 425 in offerta su Amazon. Con questa macchina fotografica potrete provare l’esperienza della messa a fuoco modificabile successivamente allo scatto, provando un prodotto che, a livello concettuale e tecnico, non ha ancora eguali prodotte da altre grandi aziende della fotografia.

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...