Kai Fagerstrom è un fotografo vincitore di diversi concorsi fotografici che collabora in pianta stabile con il National Geographic. Recentemente ha creato una serie molto interessante e insolita di fotografie, riuscendo a carpire le immagini con gli abitanti di una casa abbandonata in una non meglio specificata foresta finlandese. La “casa nel bosco”, questo il nome della serie, si trova vicino alla casa estiva della famiglia di Kai, ed è caduta in disuso in seguito a un incendio in cui anche il proprietario ha trovato la propria fine.

1359106543_9-640x458

Oggi quest’abitazione non è disabitata, e ospita una serie di volpi, gufi, tassi e altri splendidi abitanti delle foreste nord-europee. La natura ha semplicemente ripreso possesso di ciò che, in origine, le apparteneva.

1359106523_6-640x988

Fagerstrom spiega in questo modo la sua serie di fotografie, divenuta un libro tradotto in tre lingue: “Gli edifici abbandonati sono così pieni di contraddizioni. Sono affascinato dal modo in cui la natura reclama spazi che erano, in sostanza, sempre e solo dati in prestito agli esseri umani“. Le immagini sono spettacolari e alcune devono aver richiesto un enorme lavoro di attesa per immortalare il soggetto in quell’esatta posizione, come ad esempio la piccola volpe nella fessura quadrata della fotografia poco sopra.

1359106525_7-640x426

La Casa nel Bosco#4:

1359106532_15-640x417

La Casa nel Bosco#5:

1359106533_1-640x461

La Casa nel Bosco#6:

1359106541_11-640x971

La Casa nel Bosco#7:

1359106558_8-640x437

La Casa nel Bosco#8:

1359106571_19-640x464

La Casa nel Bosco#9:

1359106575_5-640x785

La Casa nel Bosco#10:

1359106578_10-640x453

La Casa nel Bosco#11:

1359106581_20-640x448

La Casa nel Bosco#12:

1359106583_4-640x480

La Casa nel Bosco#13:

1359106594_18-640x720

La Casa nel Bosco#14:

1359106603_2-640x853

La Casa nel Bosco#15:

1359106612_3-640x468

La Casa nel Bosco#16:

1359106613_12-640x683

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...