La biblioteca di Gladstone, nella città di Hawarden nella contea Flintshire, nel Regno Unito, detiene il record di unica biblioteca “residenziale” del paese. Al suo interno si trovano 26 camere usate come servizio di hotel, nelle quali gli ospiti possono provare l’emozione di dormire circondati dai 250.000 libri dell’istituzione.

Il servizio di hotellerie offre una serie di comfort, fra i quali il Wi-Fi gratuito, il caffè gratuito, le radio d’epoca e una vista sulla campagna gallese, ma ovviamente l’attrazione per i bibliofili sarà tutta per i libri, con la biblioteca liberamente accessibile sino alle 22.00. Le camere, oltre che in un luogo tanto esclusivo, sono anche economiche, e partono da 63 pound per notte, circa 70 euro.

Ovviamente non c’è la TV in camera

Dentro alle stanze si possono leggere i libri presi dalla biblioteca o consultare il PC o lo smartphone, ma è assente la Televisione, giudicata un intrattenimento passivo superfluo vista la mole di sapere dalla quale si è circondati.

Sotto, l’esterno della Biblioteca, fotografia via Wikipedia:

Sotto, l’interno della Biblioteca, fotografia via Wikipedia:

La biblioteca di Gladstone prende il nome da William Gladstone (1807-1898), ex primo ministro britannico eletto per un record di quattro volte. Gladstone era un rinomato amante di libri, e riuscì a costruirsi una biblioteca di circa 30.000 volumi quando era in vita. Dopo il ritiro dalla politica attiva, Gladstone visse nel castello di Hawarden, in Galles, e quando morì la sua collezione divenne di pubblico dominio. Poco tempo dopo i 30.000 volumi costituirono il nucleo iniziale della biblioteca di Hawarden, che crebbe durante tutto il ‘900.

Sotto, la statua di William Gladstone nella biblioteca, fotografia via Wikipedia:

Per maggiori informazioni o per prenotare una camera nell’hotel questo il sito ufficiale della struttura.

Categorie: Viaggi

Matteo Rubboli

Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...