Auld Lang Syne è il titolo di una celebre canzone scozzese che tradotta in italiano suona all’incirca come “I bei tempi andati”. Nell’intero mondo anglosassone Auld Lang Syne è un brano suonato in occasione di separazioni ed addii, ma viene anche tradizionalmente intonato alla vigilia di capodanno e, per la sua popolarità, è stato nel tempo interpretato da artisti diversissimi, da Jimi Hendrix a Louis Amstrong, da Frank Sinatra ed Elvis Presley sino a Rod Stewart e Mariah Carey. In Italia “Auld Lang Syne” è nota anche come “Il Valzer delle candele” ed indimenticabile fu la raffinata interpretazione che anni fa ne seppe dare Milva.

L’origine letteraria del testo di questa malinconica aria popolare risale ad una raccolta di ballate del folklore scozzese, dal titolo “Select Collection of original Scottish Airs”, trascritte nel 1792 dal famoso poeta Robert Burns. La melodia, divenuta il simbolo stesso dell’addio, si deve invece al talento di uno sfortunato liutista piemontese, Davide Riccio o Rizzio, il cui tragico destino si intrecciò indissolubilmente a quello di Maria Stuarda, regina di Scozia.

Le prime attestazioni storiche della presenza di Riccio nel paese risalgono al 1562. Il libro delle spese di Maria Stuarda reca infatti una nota di pugno del suo amministratore che recita: “A Davide Riccio, valletto di camera di sua maestà, una sterlina”.

Di remote origini nobili, ma figlio di un modesto maestro di musica, l’italiano era giunto ad Edimburgo al seguito di un gentiluomo savoiardo, Carlo Ubertino Solario di Moretta, ambasciatore inviato dal Duca Emanuele Filiberto di Savoia. Provvisto di talento come compositore e come musicista e dotato di una eccellente voce da basso, venne scelto dalla sovrana per completare il quartetto francese di corte, che necessitava di un cantante con le sue caratteristiche vocali.

Maria aveva imparato ad amare la musica nel suo paese adottivo, la Francia, in cui aveva vissuto quasi tutta la sua giovane vita ed al cui delfino era stata brevemente sposata. I suoi gusti ricercati ed eleganti, influenzati dalla cultura francese, stridevano con quelli dell’austera corte scozzese e le attiravano critiche velenose da parte dei detrattori capeggiati da John Knox, un teologo calvinista, riformatore della chiesa scozzese. In un panorama così pericolosamente composito ed esplosivo dal punto di vista politico fece la sua comparsa Davide Riccio.

Riccio non era fisicamente attraente: tutte le fonti coeve concordano nel giudicarlo irrimediabilmente brutto e sgraziato, di bassa statura e di incarnato olivastro, un’apparenza ben distante da quella idealizzata consegnata alla storia dai ritratti postumi; ma il piemontese sapeva tuttavia vestire con classe, era brillante, colto e fluente nella lingua francese, tanto familiare alla regina. E così, quando il Segretario privato per le relazioni con la Francia cadde in disgrazia nel 1564, fu proprio Davide Riccio a soppiantarlo, su nomina di Maria Stuarda.

Ben presto il “Seigneur Davie”, come era chiamato dalla sua regale amica, cominciò ad attirare sospetti ed invidie a corte. Il musicista straniero, divenuto in breve tempo il confidente ed il consigliere personale della sovrana era infatti colui cui rivolgersi, mercanteggiandone l’appoggio, per ottenere i favori di Maria Stuarda. La regina era consapevole delle inimicizie e del risentimento che l’italiano stava provocando tra i lord scozzesi, ma lo ignorò, ritenendo fosse ingiustificato. Dal canto suo, Riccio cominciò a darsi delle arie, chiamando il fratello in Scozia per sistemare anche lui.

Nel delicato momento della scelta di un nuovo consorte per la regina vedova, si spinse ad appoggiare persino un proprio candidato, Henry Darnley, un aristocratico inglese imparentato con la corona di Inghilterra. All’epoca del corteggiamento di Maria, quest’ultimo usava rivolgersi a Riccio come al suo “bosom friend”, al suo amico del cuore, il che scatenò a corte i sospetti sulla presunta omosessualità della natura dei loro rapporti. Inutile dire che la regina sposò Darnley, sebbene i disaccordi tra i due non tardarono a manifestarsi.

Maria Stuarda con Lord Darnley:

L’italiano si schierò subito apertamente dalla parte della regina, provocando sempre più rancore in Lord Darnley, condannato a trascorrere le serate in compagnia degli amici, mentre Maria Stuarda, banditolo dalle proprie camere, si intratteneva con il suo segretario privato e con le dame di compagnia nella lettura, nella musica o in lunghe conversazioni in francese.

Quando si diffuse la notizia della gravidanza della regina, le illazioni sulla vera identità del padre si sprecarono, rendendo il principe un consorte furibondo

Il malcontento tra i nobili scozzesi, d’altro canto, era ormai alle stelle: Riccio appariva un italiano arrivista, di cui doversi sbarazzare al più presto. La data prescelta per la resa dei conti fu il 9 marzo del 1566. Il giovane stava cenando con la regina e con la contessa di Argyll insieme ad altri tre commensali, indossando il berretto, un privilegio consentito in Scozia solo ai nobili, se al cospetto di un regnante. Fu il dettaglio che fece perdere la testa a Darnley che, armato e seguito da altri congiurati, irruppe nella stanza reale da un passaggio segreto, provocando il terrore tra gli astanti.

Il musicista comprese e si precipitò immediatamente verso Maria Stuarda, implorandola di salvarlo, giungendo a rifugiarsi dietro il corpo di lei, incinta. Sventuratamente per lui, tuttavia, nulla poté salvarlo, una volta separato dalla regina.

Brutalmente assassinato, sul suo cadavere, spogliato dei gioielli e delle vesti e scaraventato giù per le scale, si contarono ben 57 ferite, in una delle quali era rimasto infisso il pugnale del marito di Maria.

Si concludeva così in modo tragico la vita di un personaggio rinascimentale ambizioso e di talento, che si era fatto strada in una Scozia dalla politica tormentata, che non gli aveva perdonato l’esser diventato così influente. La storiografia successiva, soprattutto attraverso la voce di Eric Frattini, ha ipotizzato che il musicista piemontese fosse in realtà una spia del papa, con il compito di combattere la riforma anglicana. Più probabilmente però Riccio fu semplicemente la vittima sacrificale di una cospirazione politica, che aveva come obiettivo ultimo la destabilizzazione del governo di Maria Stuarda.

Sotto, L’assassinio di Rizzio, 1787, John Opie

Dal canto suo Maria Stuarda, fuggita rocambolescamente dal proprio castello, e rientrata alla testa di 8.000 uomini, organizzò per l’amato Davide Riccio un sontuoso funerale, facendolo infine tumulare nel sepolcro dei sovrani di Scozia, una misura comprensibilmente impopolare, che finì per avvalorare sempre più i sospetti che tra i due vi fosse stato molto di più di una semplice amicizia.

Giovanna Potenza
Giovanna Potenza

Giovanna Potenza è una dottoressa di ricerca specializzata in Bioetica. Ha due lauree con lode, è autrice della monografia “Bioetica di inizio vita in Gran Bretagna” (Edizioni Accademiche Italiane, 2018) e ha vinto numerosi premi di narrativa. È uno spirito curioso del mondo che ama viaggiare e scrivere e che legge avidamente libri che riguardino il Rinascimento, l’Età Vittoriana, l’Arte e l’Antiquariato. Ha una casa ricca di oggetti antichi e di collezioni insolite, tra cui quella di fums up e di bambole d’epoca “Armand Marseille”.