A molti il nome di Iqbal Masih non dice nulla. Eppure oggi sarebbe un giovane di 35 anni, e forse sarebbe un avvocato.

Se avesse potuto studiare, se fosse ancora vivo

La sua vita invece è stata diversa, e si è conclusa tragicamente a soli 12 anni, con il suo nome assurto a simbolo della lotta allo sfruttamento minorile nel Pakistan.

In Pakistan, a Muridke nel Punjab, Iqbal era nato nel 1983. La sua famiglia, poverissima, indebitatasi per pagare il matrimonio del primogenito, lo aveva inizialmente costretto a lavorare in una fabbrica di mattoni e poi lo aveva venduto all’età di 5 anni per 600 rupie (più o meno 12 dollari americani) a un fabbricante di tappeti, che lo aveva ridotto in schiavitù.

Un destino non insolito. Sono milioni i bambini ridotti in schiavitù per integrare il magro bilancio familiare, o per colmare debiti. Il Pakistan possiede infatti una di quelle economie definite “emergenti”, la cui precaria tenuta finanziaria, a fronte di un vasto potenziale di crescita, si basa spesso sulla manodopera sottopagata o sfruttata, o costretta a lavorare in condizioni disumane.

Condizioni disumane come quelle in cui viveva Iqbal

Picchiato, redarguito di continuo e incatenato al suo telaio, il bimbo lavora per più di dodici ore al giorno per un’unica rupia insieme ai tanti piccoli schiavi invisibili, il cui compito consiste nell’intrecciare i nodi dei tappeti con dita veloci.

Iqbal, disperato, tenta parecchie volte la fuga ma, individuato dalle autorità, viene puntualmente riconsegnato ai suoi aguzzini e punito con l’isolamento in una cisterna sotterranea priva di aerazione, che descriverà poi come “la tomba“.

Nella primavera del 1992 riesce, però, a uscire di nascosto dalla fabbrica insieme ad altri bambini e a partecipare ad una manifestazione del Fronte di Liberazione dal Lavoro Schiavizzato.

Durante quell’evento, che celebra la «Giornata della Libertà», Iqbal sente parlare per la prima volta in vita sua di libertà e di diritti dei bambini che vivono in condizione di schiavitù. Spontaneamente, di fronte al pubblico, trova il coraggio di denunciare la condizione di sofferenza in cui versano i piccoli schiavi nella fabbrica in cui lavora. Il suo discorso improvvisato, dai toni accorati, scuote le coscienze e attira l’attenzione della stampa locale.

Durante la manifestazione Iqbal conosce anche Eshan Ullah Khan, leader del BLLF (Bonded Labour Liberation Front), il sindacalista che rivestirà un ruolo chiave nella sua transizione verso una nuova vita in difesa dei diritti dei bambini.

Grazie al suo aiuto Iqbal non torna in fabbrica e inizia a studiare, come ha sempre desiderato fare. Lentamente si riappropria di quell’infanzia che gli è stata negata. Il suo corpo però è irrimediabilmente segnato dalla malnutrizione e dai maltrattamenti subiti: a 10 anni possiede infatti la statura ed il peso di un bimbo di 6.

In breve tempo diventa il simbolo e il portavoce del dramma dei bambini sfruttati nelle fabbriche da padroni senza scrupoli. Appare sui teleschermi di tutto il mondo e partecipa a convegni, dapprima nei paesi asiatici, poi in Europa e negli Stati Uniti. Sensibilizza l’opinione pubblica sulle violazioni in atto nel suo paese e contribuisce attivamente al dibattito sulla necessità di tutelare i diritti dell’infanzia.

Quando nel dicembre del 1994, presso la Northeastern University di Boston, riceve il premio Reebok Human Rights Award (vista la giovanissima età viene creata una categoria apposita per lui: Youth in Action), dona i 15 mila dollari ottenuti per costruire una scuola in cui gli ex bambini schiavi possano ricominciare a studiare.

Nel gennaio del 1995 interviene a Lahore, la seconda città del Pakistan, ad una conferenza contro lo sfruttamento del lavoro minorile. Grazie alla pressione esercitata dai media, circa tremila piccoli schiavi vengono liberati dal loro inferno, e il governo è costretto a chiudere decine di fabbriche di tappeti a seguito delle proteste della comunità internazionale.

Non ho più paura di lui – dichiara Iqbal riferendosi al suo padrone di un tempo – è lui che ha paura di me, di noi, della nostra ribellione”. E aggiunge: “Nessun bambino dovrebbe impugnare mai uno strumento di lavoro. Gli unici strumenti di lavoro che un bambino dovrebbe tenere in mano sono penne e matite. Da grande voglio fare l’avvocato e lottare perché i bambini non lavorino affatto”.

Ma grande lui non diventerà mai

Il 16 aprile 1995, la domenica di Pasqua, mentre si reca in bici a messa insieme a due cugini, viene falciato da una raffica di proiettili. Lo ritrovano riverso in un lago di sangue, con la Bibbia nel taschino e con un’immaginetta di Gesù che segnava una pagina che lo aveva particolarmente colpito.

Il successivo processo, che vede imputati gli esecutori materiali dell’omicidio, non chiarisce le motivazioni del gesto, ma si comprende ben presto che un atto del genere è dovuto probabilmente alla ritorsione della locale “mafia dei tappeti”, che si sente minacciata nei propri affari dall’attivismo di Iqbal.

Oggi i suoi assassini sono liberi, mentre il giornalista che per primo ha raccontato la sua storia si è dovuto difendere in tribunale dall’accusa di “danneggiamento del commercio estero della nazione”.

Una storia di grande speranza dal drammatico epilogo quella del giovanissimo martire pakistano, che commuove e invita a interrogarci sulla sua eredità, a oltre di 20 anni dalla sua morte.

Possiamo certamente affermare che, grazie alle battaglie di Iqbal, la situazione in Pakistan è cambiata. Le sue testimonianze hanno infatti avuto una risonanza che ha travalicato i confini nazionali, approdando in occidente. Molti negozi europei, destinatari della merce prodotta nelle industrie tessili pakistane, hanno finalmente iniziato a tutelare i diritti dei bambini, e si assicurano adesso che il lavoro minorile non sia impiegato nella produzione dei tappeti acquistati nei negozi dell’Asia meridionale.

I governi di Pakistan e India, dal canto loro, hanno chiuso moltissime fabbriche che traevano profitto dallo sfruttamento e introdotto norme che vietano il lavoro minorile, sebbene tali norme non vengano sempre rispettate pienamente.

Numerose sono le scuole in Italia e nel mondo intitolate a Iqbal Masih e tante le iniziative in sua memoria, compresi i film Iqbal di Cinzia TH Torrini e Iqbal – Bambini senza paura (2015), il film di animazione diretto da Michel Fuzellier, liberamente ispirato alla sua vita.

Tuttavia tanto ancora resta da fare. Secondo un recente rapporto dell’Unicef, in Asia meridionale sono 77 milioni i bambini e i ragazzi che lavorano. In Pakistan ancora oggi l’88 per cento dei lavoratori impiegati in diversi settori lavorativi ha un’età compresa tra i 7 e i 14 anni.

Categorie: Attualità

Giovanna Potenza

Giovanna Potenza

Amo scrivere spaziando in ambiti storico-filosofico-letterari. Sono intellettualmente curiosa ed amo confrontarmi con culture diverse, che scopro attraverso i miei viaggi, sebbene la Gran Bretagna rappresenti il mio luogo dell’anima.