La paura di morire mette in mostra i lati migliori e peggiori dell’essere umano. C’è chi si trasforma in vigliacco e chi dimostra un grande coraggio.

Alcuni dei miliardari presenti sul Titanic, fra i più ricchi d’America, avrebbero potuto facilmente corrompere gli ufficiali e gli addetti alle scialuppe, o avrebbero almeno potuto provarci, ma accettarono le regole e il loro destino da veri coraggiosi e morirono tutti nel naufragio.

Il colonnello John Jacob Astor

John Astor uno degli uomini più ricchi del mondo. Nato nel 1864, era il proprietario dell’Hotel Astoria costruito nel 1897 e unito a quello del cugino Waldorf per creare il famosissimo Waldorf-Astoria, dell’Hotel St. Regis del 1905 e del Knickerbocker del 1906.

Nel 1909 divorziò dalla moglie, con la quale aveva avuto un figlio ed una figlia, per risposarsi 2 anni dopo con Madeleine Force.

Lei aveva 18 anni, lui 47

Fu un grande scandalo, la sposa era di due anni più giovane del figlio di Astor, e per far calmare le acque negli Stati Uniti partirono per un lunghissimo viaggio di nozze in Egitto, e poi a Parigi.

Nella primavera del 1912 decisero di ritornare a casa e prenotarono sul Titanic. Viaggiavano con 4 persone di servizio e il loro cane Airedale Kitty. Madeleine era incinta di 5 mesi.

Dopo l’urto con l’iceberg, Astor restò calmo, la fama di nave inaffondabile lo tranquillizzava, e raggiunsero la palestra in attesa di notizie. La nave sembrava molto più sicura delle scialuppe.

Col passare del tempo però, sembrò cambiare idea, la nave stava chiaramente affondando, e con la moglie si accostarono alla scialuppa no. 4. Astor aiutò Madeleine a salire e chiese se poteva imbarcarsi date le condizioni ‘delicate’ della donna. Il permesso gli fu rifiutato. L’uomo si fece indietro e chiese solo il numero della scialuppa. Con Madeleine si imbarcarono anche la cameriera e l’infermiera personali.

Restò sul ponte e negli ultimi istanti fu visto fumare una sigaretta, guardando le scialuppe allontanarsi

Il suo corpo fu ritrovato dalla MacKay-Bennet il 20 aprile e identificato dagli effetti personali che aveva addosso. E’ sepolto al Trinity Cemetery di NY.

Madeleine si salvò, e 4 mesi dopo nacque il figlio John Jacob Astor VI. Madeleine aveva momentaneamente ereditato tutto l’immenso patrimonio, ma la clausola era che non si risposasse. La donna si risposò nel 1916, perdendo così tutta l’eredità.

Benjamin Guggenheim

Benjamin Guggenheim era un famoso imprenditore minerario americano, nato nel 1865, ed era il padre di Peggy Guggenheim della famosa galleria d’arte a Venezia. Dopo un soggiorno a Parigi con la sua amante, la cantante Leontine Aubart, si imbarcò con lei, la cameriera, il suo autista e il cameriere personale sul Titanic.

Dopo la collisione con l’iceberg l’uomo era restato in cabina, ma fu sollecitato da uno stewart ad andare in coperta e costretto a indossare un salvagente e abiti pesanti. Poco dopo aver compreso la situazione Guggenheimritornò in cabina insieme al suo cameriere ed entrambi indossarono abiti da sera, tornando sul ponte.

Fu sentito dire che ora che erano vestiti al meglio erano pronti ad affondare come gentiluomini

Il ricchissimo statunitense non fece alcun tentativo di salire sulle scialuppe. Gli ultimi a vederlo prima dell’affondamento dissero che era affacciato sul ponte con il cameriere, a fumare.

Il suo corpo, come quello del cameriere e dell’autista, non furono mai ritrovati. L’amante e la cameriera invece si salvarono.

Isidor e Ida Strauss

Isidor Strauss era nato in Germania nel 1845 e poi emigrato in America anocra bambino con la famiglia. Dopo gli inizi come commesso nel negozio di famiglia e dopo la guerra di secessione Isidor si trasferì a New York, con il fratello, riuscendo a lavorare per la Macy & Co. della quale riuscirono nel 1896 ad acquisire la proprietà.

Macy’s divenne il più famoso grande magazzino di NY

Dopo un viaggio in Europa Strauss e la moglie prenotarono il viaggio di ritorno sul Titanic, anche se solitamente preferivano le linee di navigazione tedesche.

Dopo la collisione a Ida Strauss e alla cameriera venne offerto il posto sulla scialuppa ma lei rifiutò di lasciare il marito. Anche all’anziano Isidor venne offerto un posto, ma luiegli rifiutò di salire quando c’erano ancora donne e bambini sul ponte. Il colonnello Archibald Gracie chiese nuovamente all’ufficiale di chiedere se entrambi potessero salire, ma ancora una volta Isidor Strauss si rifiutò di salire.

Neppure Ida volle salire sulla scialuppa, dicendo che non si sarebbe separata dal marito, visto che avevano sempre vissuto insieme e insieme sarebbero morti

La donna fece salire sulla scialuppa la sua cameriera, le diede la sua pelliccia per ripararsi dal freddo e andò col marito a sedersi sulle sdraio del ponte, dove furono visti per l’ultima volta.

Il corpo di Isidor venne recuperato dalla MacKay-Bennet, portato ad Halifax e riconosciuto, mentre quello di Ida non fu mai ritrovato.

Isidor Strauss riposa nel Woodlawn Cemetery a NY. I figli raccolsero dell’acqua dal luogo dell’affondamento e la posero in un’urna accanto a Isidor.

Il memoriale dedicato ai coniugi Straus al Woodlawn Cemetery. Fotografia di Luigi Novi condivisa con licenza Creative Commons via Wikipedia:

Giovanna Francesconi
Giovanna Francesconi

Amo la storia, e le storie dietro ad ogni persona o oggetto. Amo le cose antiche e non solo perché ormai ne faccio parte pure io, ma perché la verità è la figlia del tempo.