Il Castello di Bran, in Romania, fu la fortezza su cui Bram Stoker immaginò la terrificante dimora del nobile Vampiro nel suo romanzo Dracula, del 1897. Come scritto nel post sul viaggio in Transilvania usando Dracula come guida turistica, Bram Stoker in realtà non visitò mai la regione romena, e basò tutto il suo romanzo su scritti e documenti letti nel British Museum. La vera fortezza di Vlad III detto “l’impalatore”, fu invece il castello di Poenari, a poca distanza dal castello di Bran.

Oggi il castello, insieme alla fortezza, è visitato da un numero crescente di turisti, ed è divenuto una meta-cardine dei viaggi in Romania. La notizia della sua messa in vendita, per una cifra che va dai 60 agli 80 milioni di dollari, circola sul web ormai da un paio d’anni (ne avevamo dato notizia anche noi nel 2016) ma è in realtà una notizia falsa, o meglio, un fraintendimento nato dal sito TravelandLeisure, senza effettivo fondamento. (altre fonti “autorevoli”: Huffington Post, Business Insider, Smithsonian Mag e moltissimi altri).

Alexandra Cojanu, rappresentante del castello di Bran, ha dichiarato a Express che: “Abbiamo notato alcune notizie sui media che indicano come il Castello di Bran sia stato messo in vendita. Queste voci sono basate su articoli scritti fra il 2007 e il 2009, la maggior parte dei quali sono parzialmente o del tutto erronei. Il castello di Bran non è in vendita“.

La Cojanu ha specificato inoltre che il castello è oggetto di enormi investimenti e ristrutturazioni, per adeguare la sicurezza e il comfort di un luogo visitato ogni anno da oltre 600.000 persone paganti.

La storia della Notizia

L’annuncio di messa in vendita del castello deriverebbe dalla pubblicazione dell’annuncio della vendita di un resort di montagna vicino al Castello di Bran, sempre in Transilvania. Secondo la Cojanu, ma non ci sono altre fonti, tutta la storia deriverebbe da un fraintendimento, voluto o anche solo immaginato, che vedeva il castello alla mercé del miglior offerente.

Il Castello, fra il 2005 e il 2009, fu oggetto di una serie di dispute legali che lo videro restituito ai discendenti degli Asburgo, ai quali era stato illegalmente confiscato dal regime comunista Romeno. Il 18 Maggio del 2009 il castello di Bran divenne proprietà dell’Arciduca Dominic e delle sue sorelle Maria-Magdalena Holzhausen ed Elisabeth Sandhofer. Il museo venne aperto il 1° Giugno al pubblico, e da allora non ha più cambiato proprietari, ospitando ogni anno centinaia di migliaia di visitatori fra le sue mura.

Fonte: Express.co.uk

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...