Le sculture di animali sono opere d’arte fra le più antiche che abbia realizzato l’uomo, ma l’artista ingelse Derek Pearce ha trovato un nuovo modo di utilizzare le forme degli animali per integrarli in un tipo di mobile comunissimo: il tavolino. Ognuno dei tavolini viene realizzato per far apparire l’animale come immerso per metà nell’acqua, un’illusione ottenuta mediante l’integrazione del vetro nella scultura di base. Le sculture vengono fatte con animali come l’ippopotamo, le balene, i delfini ma anche un cammello a due gobbe o una rana, visibili sul sito dell’artista.

Tavoli Sculture Animali 06

Le opere di Pearce, che sono degli splendidi oggetti di design, sono realizzate partendo da blocchi di legno, per poi diventare delle sculture che trovano spazio in diversi contesti, pubblici e privati. Pearce ha differenziato il proprio lavoro realizzando opere d’arte e oggetti più “in serie”, come i tavolini in vetro “sommersi”. Questi sono infatti 6 modelli disponibili sul sito dedicato, ed hanno un costo che varia dalle 3.000 alle 6.500 sterline. L’artista precisa che un tavolo come uno dei suoi “sommersi” non si adatta bene ad ogni contesto, e che è disponibile ad assistere nel processo d’acquisto ognuno dei propri clienti.

Tavoli Sculture Animali 01

L’arte di Pearce è decisamente originale e gli ha permesso, in circa 20 anni di attività, di diventare famoso in tutto il mondo come un artista e artigiano di pezzi d’arredo esclusivi.

Tavoli Sculture Animali 07

Con i delfini:

Tavoli Sculture Animali 05

La foca:

Tavoli Sculture Animali 04

Due ippopotami:

Tavoli Sculture Animali 09

Quattro Uccelli:

Tavoli Sculture Animali 08

Una delle fasi iniziali della scultura di un ippopotamo:

Tavoli Sculture Animali 10

Sotto, Derek Pearce:

Tavoli Sculture Animali 11

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...