La tendenza a realizzare degli specifici oggetti per i gatti è in costante aumento, complice il successo mediatico che i piccoli amici di casa ricevono sui social network. L’ultima novità viene dal Giappone, dove è stata realizzata la linea di mobili “Okawa”, appositamente pensata per i gatti. La campagna si intitola “Craftsman MADE Okawa”, e ha lo scopo di dare un nuovo impulso alla un tempo fiorente industria del mobile della prefettura di Fukuoka.

Nell’area, in inglese “Okawa City”, sono presenti circa 150 laboratori e fabbriche per la produzione di mobili, una tradizione iniziata ben 470 anni fa, e la serie di mobili Okawa vuole pubblicizzare l’eccellenza giapponese anche al di fuori dei confini nazionali. La produzione interessa dei mobili già progettati per gli esseri umani, che vengono ridotti alle dimensioni dei gatti lasciando intatte la qualità costruttiva e i materiali originali del prodotto.

Sotto, alcuni degli artigiani e dei proprietari delle aziende che producono mobili nel distretto di Fukuoka:

La collezione per i gatti include un divano in legno di pino, disegnato e prodotto dalla Hiromatsu Furniture, e un lettino in legno scuro disegnato e prodotto da Tateno Mokuzai. Oltre ai due prodotti più celebri nel tempo si sono aggiunti altri 5 prodotti, e sul sito del progetto si trovano tutti i dettagli produttivi di ogni singolo pezzo.

L’idea ha conosciuto un crescente successo, e i piccoli mobili per gatti stanno contribuendo alla promozione dell’area nel mondo. Per scoprire di più riguardo la collezione è sufficiente visitare il sito “Okawa Kagu”, dove è possibile osservare i mobili in tutti i loro dettagli, compreso conoscere gli artigiani che li confezionano.

Sotto, il divano Santa Fe:

Il Divano Santa Fe con il suo ospite naturale:

Sotto, il video di presentazione della serie dei mobili Okawa:

Categorie: Arte e Design

Matteo Rubboli

Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...