Il nome di uno degli artisti emergenti più famosi di Francia rappresenta perfettamente anche lo scopo delle sue opere: Astro. Il giovane graffitaro francese è infatti un artista monumentale, esponente eccellente di artisti che si dedicano (e vengono ingaggiati) allo scopo di abbellire grandi porzioni di superficie presenti nelle città. L’opera di Astro è vorticosa, coinvolgente, sinuosa e impressionante, e cattura lo sguardo dello spettatore da vicino ma sopratutto da lontano.

Attivo in Francia ma anche in diverse altre nazioni europee, la sua ultima opera è stata realizzata in un complesso residenziale a Loures (vicino Lisbona), in Portogallo. Il graffito è una gigantesca illusione ottica di parallelepipedi che si inseriscono negli altri, suggerendo un universo parallelo nascosto all’interno del disegno.

Le opere di Astro richiedono una lunga preparazione, e l’impiego di numerose piattaforme aeree per essere completate. A livello tecnico, inizialmente l’artista prepara il fondo con un colore uniforme poi, sempre con il rullo, continua a dipingere delle linee del colore secondario. Una volta completata la struttura “base” del dipinto, con la bomboletta o l’aerografo disegna le ombre che regaleranno la tridimensionalità al disegno. Per vedere tutte le opere di Astro questo è il sito ufficiale.

Graffiti Astro 01Graffiti Astro 02Graffiti Astro 03Graffiti Astro 04Graffiti Astro 05Graffiti Astro 06Graffiti Astro 07Graffiti Astro 08Graffiti Astro 09Graffiti Astro 10Graffiti Astro 11Graffiti Astro 12Graffiti Astro 13

Sotto, il video del festival “Street Art Avenue”, organizzato dall’Ufficio del Turismo di Parigi, durante il quale Astro ha dipinto un’opera gigantesca dal titolo “Prenons de la Hauteur”. Per il lavoro , vicino allo Stade de France, sono stati necessari oltre 400 litri di vernice e sono stati coperti oltre 4.000 metri quadrati.

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...