Dimenticate i Rockefeller e i Rothschild, dimenticate le speculazioni complottiste su “il Nuovo Ordine Mondiale”: la prima famiglia a tenere in pugno i potenti della terra furono i Fugger, di Augsburg (Augusta), in Germania. Ricchi come nessuno mai nella loro epoca e fino al XX secolo: il loro patrimonio arrivò ad ammontare a 350 miliardi di euro (al valore attuale), e si contendono il titolo di patrimonio più grande della storia di Mansa Musa, Re del Mali del XIV secolo (altre fonti riportano 450 miliardi per i Fugger, che li renderebbe più ricchi di Musa di 50 Miliardi). Potenti come imperatori e papi, anzi di più, perché erano loro che li finanziavano, quando non ne consentivano l’ascesa al trono grazie alle tangenti pagate ai grandi elettori, come nel caso di Carlo V del Sacro Romano Impero.

Jacob II Fugger, in un ritratto di Albrecht Dürer

Immagine di Pubblico dominio

“È risaputo che senza di me Sua Maestà non avrebbe mai acquisito la corona imperiale” , osò dire Jacob II Fugger all’imperatore Carlo V , che tardava a saldare i suoi debiti

Ma chi erano i Fugger?

I Fugger erano una famiglia di commercianti che tra il 1450 e il 1550 diede addirittura il proprio nome a quel periodo, chiamato “secolo Fugger”. Si arricchirono con la manifattura tessile, ma poi allargarono il loro business all’industria mineraria e siderurgica, al commercio delle spezie, fino a ottenere il monopolio del rame. Ma soprattutto erano banchieri, che prestavano soldi a re, imperatori e papi. Il più intraprendente esponente della famiglia fu Jakob II detto “il ricco” (1459-1525), per distinguerlo dal padre, che comunque era annoverato come 12° uomo più abbiente di Augusta.

Busto di Jakob Fugger il Ricco, nel quartiere di Fuggerei ad Augusta

Fonte immagine: Wolfgang B. Kleiner via Wikimedia COmmons – licenza CC BY-SA 3.0

Jakob però aveva una marcia in più, forse acquisita durante la sua permanenza a Venezia, dove imparò molti trucchi del mestiere, mentre faceva esperienza al Fontego dei Tedeschi. Diversificò il suo giro d’affari, tanto che i crediti talvolta non riscossi (come accadde con Filippo II di Spagna) non mandarono in rovina la famiglia. Era lui che gestiva la zecca dello stato pontificio, come fu lui a far nascere, grazie ai suoi finanziamenti, la Guardia Svizzera. I Fugger avevano “filiali” in tutta Europa, dall’Ungheria alla Spagna, da Roma ai Paesi Bassi. Già allora, Jakob il Ricco aveva capito il potere dell’informazione, e si avvaleva di una rete di emissari che lo aggiornava su ogni importante avvenimento che avrebbe potuto influire sui suoi affari.
Jakob riuscì ad accaparrarsi – per rientrare da un credito che vantava nei confronti dell’arcivescovo di Brandeburgo – un cospicuo introito dai soldi accumulati con la vendita delle indulgenze (durante la campagna per finanziare la basilica di San Pietro), campagna che scatenò le ire di Martin Lutero e portò alla Riforma protestante.

La Fuggerei di notte

Fonte immagine: Wolfgang B. Kleiner via Wikipedia – licenza CC BY-SA 3.0

Da fervente cattolico qual era, forse per avere la certezza di andare in paradiso senza passare dallo scomodo purgatorio, e probabilmente non fidandosi troppo delle indulgenze che aveva comunque acquistato, Jakob fece costruire un quartiere, ancora esistente, che viene considerato il primo complesso di case popolari mai realizzato, la Fuggerei.

Fonte immagine: Slick / via Wikimedia Commons –  Pubblico Dominio

Il quartiere, circondato da mura, fu voluto da Jakob per dare alloggio ai poveri di Augusta (quelli nati nella città), ma solo se cattolici e privi di debiti. Il prezzo dell’affitto era un fiorino renano, pari a 88 centesimi di euro, ma ogni inquilino doveva impegnarsi a recitare per la famiglia Fugger tre preghiere, immancabilmente tutti i giorni.

Fonte immagine: Neitram via Wikimedia Commons – licenza CC BY-SA 3.0

La Fuggerei fu costruita tra il 1514 e il 1523, con un’architettura che prese a prestito molte idee dalle case veneziane, come la struttura a schiera e la divisione degli spazi in ambienti piccoli ma funzionali.

Fonte immagine: Mattes via Wikimedia Commons – licenza CC BY-SA 2.0

Oggi, le cose non sono cambiate molto: le case popolari, ricostruite dopo la seconda guerra mondiale e gestite da una fondazione, sono destinate a persone indigenti che vivono ad Augusta da almeno due anni, di fede cattolica e senza debiti.

L’affitto è rimasto quello di 500 anni fa, 88 centesimi, e la regola di recitare tre preghiere al giorno per i Fugger vale ancora

Uno dei due accessi alla Fuggerei

Fonte immagine: Mattes via Wikimedia Commons – licenza CC BY-SA 2.0

Il quartiere è circondato da mura, con due portoni di accesso che vengono regolarmente chiusi alle 10 di sera e aperti alle 5 del mattino: in queste ore, solo i residenti possono entrare o uscire dalla Fuggerei.

Fonte immagini: Alois Wüst via Wikimedia Commons – licenza CC BY-SA 3.0

Le case a schiera sono divise in appartamenti che misurano 50/60 metri quadrati, composti da una cucina, un salotto, una camera da letto e un ripostiglio. Ogni casa ha, ancora oggi, un campanello manuale con una impugnatura diversa per ogni unità: era il modo per distinguere il proprio appartamento quando ancora le strade non erano illuminate dai lampioni.

Immagine di Pubblico Dominio

La Fuggerei è una delle principali attrazione turistiche di Augusta, ma è anche il luogo di residenza di circa 150 persone. Solo uno degli appartamenti è visibile, trasformato in un piccolo museo dove tutto risale al periodo della fondazione.

Fonte immagine: Heribert Pohl via Wikimedia Commons – licenza CC BY-SA 2.0

Fonte immagine: Heribert Pohl via Wikimedia Commons – licenza CC BY-SA 2.0

I Fugger, come imprenditori, si estinsero nel 1657: gli eredi preferirono esercitare cariche pubbliche o ecclesiastiche, mentre si imparentavano con famiglie della nobiltà europea.

Il Cortile delle Dame, in stile rinascimentale

Fonte immagine: Wolfgang B. Kleiner via Wikipedia – licenza CC BY-SA 3.0

La Fondazione della Fuggerei è a tutt’oggi gestita dai discendenti di Jakob (sebbene la famiglia sia ormai divisa in diversi rami): forse è per questo motivo che funziona ancora così bene.

Per approfondire la conoscenza di Jakob il Ricco: Il Creatore di Re, di Greg Steinmetz.

Categorie: Storia

Annalisa Lo Monaco

Annalisa Lo Monaco

Appassionata di arte, romanzi gialli e storia, ha scoperto che scrivere può far viaggiare tutto il mondo da una sedia!