Bryan Berg ha cominciato a costruire castelli di carte all’età di 8 anni, guidato nella passione che fu del nonno. La sua tecnica è autodidatta, e le strutture autoportanti delle carte di Berg sono basate su una disposizione a griglia, che Bryan ha testato in un laboratorio di ingegneria strutturale per sostenere sino a 300 chilogrammi per decimetro quadrato, e che non utilizzano alcun tipo di nastro, colla, ripiegamento o trucchi di altro tipo. La carte sono posizionate con la semplicità con cui qualunque bambino posizionerebbe le prime due di una serie una accanto all’altra, solo che, in questo caso, sono decine di migliaia.

La carriera di Bryan è impegnata sui fronti dell’architettura e della realizzazione dei castelli di carte a livello professionale. Ha lavorato con marchi come Disney, Lexus, Procter&Gamble e molti altri per cui ha costruito case e castelli di dimensioni spropositate. A Berg appartiene anche il record mondiale per il castello di carte più alto di sempre, di cui il primo della serie fu ottenuto nel 1994 all’età di 17 anni, con una costruzione di 4,67 metri. Successivamente, ha battuto il suo stesso record più volte, arrivando ad un’altezza di 7,7 metri circa. Oggi, la sua vita professionale è impegnata quasi interamente costruendo castelli di carte in modo o velocissimo o di proporzioni gigantesche, per la gioia del pubblico che accorre per vedere le sue creazioni. Per saperne di più su questo Re di Carte, questo il sito ufficiale.

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...