La sperimentazione e la ricerca sugli esseri umani è una pratica che si svolge da tempo immemore, e ha conosciuto le sue pagine peggiori durante i periodi di prigionia e schiavitù di una parte della popolazione mondiale. Alcuni degli esperimenti più diabolici di cui siamo a conoscenza furono svolti durante il secolo scorso, da una serie di scienziati o presunti tali che non ebbero rispetto per la vita degli esseri umani, trattando milioni di persone alla stregua di carne da macello.

10. L’esperimento della prigione di Stanford

Stanford_Prison

L’esperimento della prigione di Stanford fu uno studio psicologico di risposta umana alle condizione di prigionia e dei suoi effetti sulle persone in cattività e sui carcerieri. L’esperimento si svolse nel 1971, e venne condotto da un team di ricercatori guidato dallo psicologo Philip Zimbardo della Stanford University. Alcuni studenti volontari svolsero i ruoli di guardie e prigionieri, in una finta prigione in un seminterrato vicino all’università. I prigionieri e i carcerieri si abituarono velocemente ai propri ruoli, e uno degli aspetti che era previsto era il crearsi situazioni potenzialmente pericolose dal punto di vista psicologico per guardie e carcerati.

Dopo un brevissimo periodo, un terzo delle guardie fu ritenuta responsabile di “veri” comportamenti sadici, e molti prigionieri rimasero traumatizzati, con due di loro dovettero essere allontanati dopo pochissimo tempo dall’avvio dell’esperimento a causa di gravi ripercussioni immediatamente visibili. Infine, Zimbardo, allarmato per il comportamento sempre più crudele dei propri studenti, terminò l’esperimento poco tempo dopo che era cominciato.

9. The Monster Study

Monster Study

The Monster Study fu un esperimento concernente la balbuzie su 22 bambini orfani di Davenport, in Iowa, condotto nel 1939 da Wendell Johnson della University of Iowa. Johnson scelse uno dei suoi studenti, Mary Tudor, per condurre l’esperimento, supervisionandone la ricerca. Dopo che aveva diviso i bambini in due gruppi di studio, la Tudor lodò la metà dei bambini per la fluidità dei loro discorsi, e sminuì i bambini dell’altro gruppo per le loro imperfezioni lessicali asserendo che fossero balbuzienti. I bambini che ricevettero risposte negative riguardo la logopedia soffrirono di problemi psicologici e di linguaggio per tutta la vita, mentre gli altri si svilupparono in modo normale.

Soprannominato “The Monster Study” da alcuni colleghi di Johnson, inorriditi per la crudeltà psicologica dell’esperimento, lo studio venne tenuto segreto per paura che la reputazione di Johnson venisse associata ai terribili esperimenti dei nazisti nei campi di concentramento. La University of Iowa si scusò pubblicamente per lo “studio mostruso” nel 2001.

8. Il progetto 4.1

Project 4.1

Progetto 4.1 è la designazione di uno studio medico effettuato dagli Stati Uniti sui residenti delle Isole Marshall esposti al fallout radioattivo del test nucleare del 1 marzo 1954 “Castle Bravo” nell’atollo di Bikini, che ebbe un effetto inaspettatamente devastante sulla popolazione. Per il primo decennio dopo i bombardamenti gli effetti furono ambigui e statisticamente difficili da correlare all’esposizione alle radiazioni: gli aborti e i bambini nati morti tra le donne esposte raddoppiarono nei primi cinque anni dopo l’incidente, ma poi tornarono alla normalità. Furono riscontrate alcune difficoltà nello sviluppo e nella crescita ridotta dei bambini, ma era difficile inserire i dati in un modello.

Nei decenni successivi, però, gli effetti furono innegabili. I bambini iniziarono a soffrire in modo numericamente sproporzionato di cancro alla tiroide (a causa dell’esposizione alle radiazioni), con un terzo di questi tumori che si svilupparono dopo il 1974. Moltissime persone morirono, in quello che fu un esperimento su larga scala condotto senza alcuna richiesta di consenso da parte del governo americano, contravvenendo quindi a tutti i trattati e leggi internazionali dei diritti dell’uomo.

7. Il Progetto MKULTRA

cia_lsd

Il progetto MKULTRA o MK-ULTRA, fu il nome in codice per un programma di ricerca della CIA sul controllo mentale che ebbe inizio nei primi anni ’50 e continuò almeno fino alla fine del 1960. Esistono prove che il progetto prevedesse l’uso indotto di molti tipi di farmaci, assieme ad altre metodologie, per manipolare i pensieri e le decisioni dei soggetti. Lo scopo era quello di creare spie e soldati perfetti, in grado di compiere gli ordine in uno stato subcosciente, non riuscendo quindi, neanche sotto tortura, a svelare nulla al nemico. Fu utilizzata LSD a fiumi per controllare la mente delle persone, come spiegato nel video sottostante:

6. Il progetto Aversion

Progetto Aversion

Durante il periodo dell’Apartheid nell’esercito Sudafricano i soldati gay venivano costretti a sottoporsi ad un’operazione forzata di cambio di sesso. Un chirurgo di quel periodo afferma che le operazioni furono circa 900 fra il 1971 e il 1989, operazioni che venivano definite come di “riassegnazione sessuale”.

L’esercito scovava i soldati omosessuali grazie ai preti delle forze armate o inviando unità psichiatriche preposte allo scopo. L’operazione di riassegnazione del sesso avveniva dopo aver tentato mediante elettroshock, cure ormonali e altri surrogati medici di “correggere” le tendenze del paziente; nel caso in cui non avessero effetto sulla “malattia”, la macchina di riassegnazione del sesso obbligatoria veniva messa in moto, anche contro la volontà del paziente. Ovviamente, non tutti gli interventi andarono a buon fine, soprattutto con le pazienti donne, e le conseguenze furono terribili in termini di suicidi e persone psicologicamente devastate.

Aubrey Levin era a capo dello studio e, nonostante le atrocità commesse, è ora professore clinico presso il Dipartimento di Psichiatria (divisione Forensic) presso l’Università Medical School di Calgary in Canada. Egli opera anche in uno studio privato, come membro in regola del Collegio dei Medici e Chirurghi dell’Alberta.

5. Le sperimentazioni nei campi di concentramento Nord Coreani

Sperimentazioni Nord Corea

Esistono molte segnalazioni delle sperimentazioni della Nord Corea su pazienti umani. Questi rapporti mostrano come, nello stato asiatico, i metodi e le ricerche svolte siano del tutto simili a quelle usate dai nazisti e dai giapponesi durante la seconda guerra mondiale. La Corea del Nord nega ufficialmente questa voce, ma gli annunci dei dittatori (padre e figlio) sono poco credibili. Una donna ex prigioniera racconta che 50 donne sane furono costrette a mangiare foglie di cavolo avvelenate, che ingoiarono nonostante le grida delle compagne che le avevano già mangiate e cominciavano a sentirsi male.

Tutte le 50 donne morirono dopo 20 minuti di vomito e sanguinamento anale. Il rifiuto di mangiare avrebbe significato morte per assassinio e rappresaglie contro le loro famiglie. Kwon Hyok, un ex capo della prigione di sicurezza di Camp 22, ha descritto i laboratori come perfettamente attrezzati, con camere a gas, stanze per esperimenti sanguinosi e altre meraviglie da circo degli orrori.

Kwon Hyok afferma di aver visto una famiglia di 2 genitori con un figlio e una figlia morire soffocati dal gas, con i genitori che hanno usato le loro ultime forze tentando di mantenere in vita i figli con la respirazione bocca a bocca.

4. Il laboratorio “Veleno” degli scienziati Sovietici

Laboratorio Veleno

Il laboratorio Veleno dei servizi segreti sovietici, noto anche come Laboratorio 1, Laboratorio 12 o “La Camera”, era una struttura segreta di ricerca e sviluppo sui veleni dell’agenzia di polizia segreta sovietica. I sovietici testavano una serie di veleni mortali sui prigionieri reclusi dei Gulag, compresa l’Iprite, la ricina, la digitossina e molti altri.

L’obiettivo degli esperimenti era quello di trovare una sostanza chimica inodore che non potesse essere rilevata post mortem. I veleni venivano dati alle vittime con un pasto o una bevanda, spacciandoli per farmaci. Alla fine venne ottenuta una sostanza con le proprietà desiderate chiamata C-2. La vittima vittima cambiava si indeboliva diventava silenziosa e moriva in circa 15 minuti.

3. Lo studio sulla sifilide Tuskegee

Tuskegee Sifilide

Lo “Tuskegee of Untreated Syphilis in the Negro Male” fu uno studio clinico, condotto tra il 1932 e il 1972 a Tuskegee, in Alabama, in cui 399 mezzadri afroamericani, per lo più analfabeti, vennero usati come cavie di osservazione per la sifilide. All’epoca non esisteva una cura certa contro la sifilide, e queste persone vennero trattate con rimedi sperimentali per testarne l’efficacia.

Nonostante la scoperta della penicillina l’esperimento continuò fino al 1972, trattando i pazienti con dei placebo e rimedi non efficaci per studiare gli effetti della malattia sul corpo. Alla fine dello studio solo 74 dei soggetti del test erano ancora vivi. Ventotto degli uomini erano morti direttamente a causa della sifilide, 100 erano morti di complicanze correlate, 40 delle loro mogli furono infettate e 19 dei loro figli erano nati con la sifilide congenita.

2. Unità 731 dell’esercito Giapponese

Unità 731

L’Unità 731 fu un progetto di ricerca e sviluppo di armi per la guerra biologica e chimica dell’esercito imperiale giapponese, che intraprese una serie di sperimentazioni sugli esseri umani durante la seconda guerra sino-giapponese (1936-1945) e la concomitante seconda guerra mondiale. Durante lo studio vennero compiuti alcuni degli atti più raccapriccianti della storia della medicina e della storia in generale.

Il reparto era diretto da Shiro Ishii, e prevedeva alcune pratiche come la vivisezione senza anestesia (tra cui donne incinte ingravidate dai medici), prigionieri con arti amputati e ricollegati ad altre parti del corpo o parti del corpo congelate e poi scongelate per studiare gli effetti della cancrena non trattata.

Moltissimi esseri umani vennero utilizzati anche come cavie per test di granate e lanciafiamme. I prigionieri venivano anche infettati con virus di malattie per studiare i diversi effetti. Per studiare gli effetti delle infezioni veneree non trattate, molti uomini e donne furono deliberatamente contagiati con la sifilide e la gonorrea attraverso lo stupro.

Ishii non pagò mai per i propri crimini, così come moltissimi dei suoi collaboratori, che furono “acquisiti” dagli Stati Uniti come scienziati insieme ai risultati dei loro studi, lasciandoli liberi di tornare alla vita civile. Un elenco completo dei crimini di cui si macchiarono è disponibile su Wikipedia.

1. Gli esperimenti nei campi di concentramento nazisti

Esperimenti-umani-nazisti

Le sperimentazioni sugli esseri umani da parte dei nazisti durante la seconda guerra mondiale furono simili a quelle dei giapponesi, ma vennero associate allo sterminio di massa di ebrei, disabili, zingari, omosessuali, slavi e altre persone considerate “non degne” di vivere.

Le persone chiave di questi esperimenti, di cui trovate ampia lista su Wikipedia, furono Joseph Mengele, il “dottor morte”, Eduard Wirths, a capo di Auschwitz, Sigmund Rascher e tantissimi altri medici che, anche contro la propria volontà, vennero costretti a operare per scoprire cure a malattie a situazioni estreme che potevano interessare i soldati tedeschi in battaglia. Una lista breve degli esperimenti è la seguente:

  1. Esperimenti di decompressione per il salvataggio da grande altezza
  2. Esperimenti di congelamento/raffreddamento prolungato
  3. Esperimenti di vaccinazione antipetecchiale
  4. Ricerche sull’epatite epidemica
  5. Esperimenti di sterilizzazione
  6. Raggi X e castrazione chirurgica
  7. Studio sulle condizioni precancerose della cervice uterina
  8. Ricerche sui gemelli monozigotici
  9. Ricerche sulla cura ormonale dell’omosessualità

——————————————————————————–

Alla fine di questa lista ritengo obbligatoria la citazione di uno scrittore che ha conosciuto le torture e la morte nel campo concentramento di Auschwitz, e che forse meglio di tutti ha descritto quanto l’uomo possa essere lontano dall’essere “umano”, Primo Levi:

Voi che vivete sicuri
nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
il cibo caldo e visi amici:
considerate se questo è un uomo
che lavora nel fango
che non conosce pace
che lotta per mezzo pane
che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
senza capelli e senza nome
senza più forza di ricordare
vuoti gli occhi e freddo il grembo
come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
stando in casa andando per via,
coricandovi alzandovi;
ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
la malattia vi impedisca,
i vostri nati torcano il viso da voi

Tutte le immagini sono di pubblico dominio.

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...