La fan di film horror Marc Hagan-Guirey ha realizzato queste versioni cartacee che ha chiamato “Horrorgami”, ispirandosi a celebri e famose case infestate protagoniste di alcuni classici del cinema Horror. La tecnica utilizzata si chiama Kirigami, che è come un origami tranne che la carta è tagliata e piegata per creare le forme complesse come ad esempio queste case. Non è utilizzato alcun tipo di adesivo, ed il tutto è quindi connesso tramite incastri cartacei.

“Quando ero piccolo, mio fratello maggiore ed io avevamo due caratteri completamente diversi. E l’unica cosa che ci legava davvero era la passione per i film horror, e dopo la visione doveva sorbirsi la parte della consolazione perché  io ero completamente terrorizzato dopo aver visto un film”. Questo l’incipit del video di presentazione che trovate nel suo sito PaperDandy. Marc già creato quattro case tratte da film horror e spettacoli televisivi che sono: The Shining, The Amityville Horror, L’esorcista, e La famiglia Addams. Ogni casa è composta da un unico foglio di carta tagliato piegato ed incastrato ad arte. Nella sua prossima mostra in programma a Londra, Marc esporrà ben 13 case dell’orrore, fra cui BeetleJuice e The Haunting.

Horrorgami le case del terrore rifatte con gli Origami 1 Horrorgami le case del terrore rifatte con gli Origami 2

Shining Horrorgami – Overlook Hotel

Horrorgami le case del terrore rifatte con gli Origami 3 Horrorgami le case del terrore rifatte con gli Origami 4

Amityville Horror Horrorgami – 112 Ocean Drive

Horrorgami le case del terrore rifatte con gli Origami 5 Horrorgami le case del terrore rifatte con gli Origami 6

Horrorgami dell’esorcista – La casa dei MacNeill

Horrorgami le case del terrore rifatte con gli Origami 7 Horrorgami le case del terrore rifatte con gli Origami 8

Horrorgami della casa della famiglia Addams – The Addams Mansion

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...