Gli Amanti di Hasanlu: un Bacio Lungo 2.800 anni

Esistono alcuni, rarissimi casi in cui le sepolture vengono occupate da due persone, spesso a causa di eventi catastrofici come guerre o calamità naturali. I due scheletri di Hasanlu, in Iran, fanno parte di questa ristretta categoria, e sono diventati famosi nel mondo a causa del loro bacio, reso eterno proprio dalla posizione in cui i due ignoti protagonisti hanno trovato la morte. Gli archeologi ipotizzano che i due amanti si siano rifugiati dalle fiamme della città messa a ferro e fuoco, e che siano morti, asfissiati dal fumo, in questa posizione. Il cranio di uno dei due scheletri è evidentemente rotto, ma il foro è il risultato delle operazioni di scavo e non di traumi subiti dall’uomo ancora in vita.

Il team di archeologi trovò i resti dei due amanti nel 1972, e da allora la fotografia dei due scheletri ha rappresentato una delle più citate per raffigurare un simbolo di amore “eterno”. Su alcuni siti è stato riportato che gli scheletri sono antichi di 6.000 anni, ma la datazione al carbonio 14 operata dall’Università della Pennsylvania li colloca nell’800 avanti Cristo circa.

Teppe Hasanlu, nel nord-ovest dell’Iran, è un famoso sito archeologico di una città che è stata scavata per ben 10 campagne di scavo tra il 1956 e il 1974 da un team della University Museum, University of Pennsylvania e il Metropolitan Museum di New York. Nel corso degli anni sono stati scoperti moltissimi reperti di grande valore storico, fra cui questa coppia definita “The Lovers”, che simboleggia l’amore eterno.


da