Gioacchino Murat: il figlio di un locandiere che divenne RE di Napoli

Qui non si muore”, furono le parole pronunciate da Gioacchino Murat nel 1811, in visita a Castellabate, per esprimere il suo apprezzamento per la salubrità di quel luogo. Incisa su una targa del borgo medievale della cittadina del Cilento, la frase è divenuta celebre anche in epoca moderna grazie al successo del film Benvenuti al Sud.

La lapide che ricorda la frase “Qui non si muore” pronunciata da Gioacchino Murat a Castellabate

Immagine di Gsq84 via Wikiquote – licenza CC BY-SA 3.0

Di umili origini, Murat è la perfetta esemplificazione delle possibilità di ascesa sociale scaturite dai venti rivoluzionari francesi. Scalò con tenacia le gerarchie militari, incrociò il suo destino con la più grande personalità dell’epoca, Napoleone Bonaparte, e divenne sovrano del Regno di Napoli.

Dalla locanda alla Rivoluzione

Joachim Murat, conosciuto in Italia come Gioacchino, talvolta con il cognome Napoleone, nacque a Labastide-Fortunière il 25 marzo 1767.

Ritratto di Gioacchino Murat quando era Re di Napoli

Era l’undicesimo e ultimo figlio di Pierre Murat-Jordy e di sua moglie, Jeanne Loubières. I genitori possedevano e gestivano una locanda e contemporaneamente svolgevano l’incarico di amministratori dei beni della prioria del paese. Inizialmente destinato, per volere del padre, alla carriera ecclesiastica, fu seminarista a Cahors e a Tolosa, ma il suo carattere focoso lo spinse lontano dalla vita clericale: amava la bella vita, le donne, contraeva debiti e spesso si trovava coinvolto in risse e liti con i compagni, perciò abbandonò gli studi e, per non doversela vedere con il padre, si arruolò nei Cacciatori delle Ardenne, passando quasi subito nel 12° reggimento dei Cacciatori a cavallo della Champagne.

Quest’ultima era un’unità di cavalleria in cerca di uomini audaci e si dimostrò la più adatta per l’animo battagliero di Joachim che, grazie al suo coraggio, divenne presto sergente. Gli anni di studio gli avevano fornito una buona cultura, ma l’ottima istruzione era in qualche modo offuscata dalla sua forte indisciplina.

Ritratto di Gioacchino Murat

Mentre era di stanza nella provincia di Sélestart, si rifiutò di eseguire l’ordine di un ufficiale e il suo reggimento si rese protagonista di un episodio d’insubordinazione causato, secondo l’indagine che ne seguì, proprio da Murat, che fu deferito per aver diffuso idee filo-rivoluzionarie fra i suoi commilitoni.

In quanto principale artefice dell’evento, fu espulso, e la sua carriera militare subì una drastica battuta d’arresto che lo costrinse a tornare nella città natale. Memore della defezione dal seminario, il padre non lo accolse come un figliol prodigo, anzi: non lo volle  proprio in casa né tantomeno a lavorare nella locanda di famiglia.

Joachim non ebbe altra scelta che sistemarsi nel paese limitrofo di Saint-Céré, dove iniziò a lavorare in una drogheria. La paga era misera e non gli bastava per mantenersi; decise quindi di fare un secondo tentativo nell’esercito, che lo riaccolse, ma senza i gradi precedentemente acquisiti.

Nel 1792 entrò nelle fila della guardia di Luigi XVI, voluta dall’Assemblea legislativa per difendere e tenere d’occhio il sovrano. Intenzionato a offrire i suoi servigi per la causa rivoluzionaria, ben presto si rese conto che il reparto, considerato elitario, era un covo di filo-monarchici. Dopo circa un mese, il valore di Murat fu notato dal colonnello Descours, che gli offrì, dietro lauto compenso, di recarsi fuori dalla Francia per unirsi a uno dei tanti eserciti contro-rivoluzionari che si stavano formando. Joachim non si fece corrompere, rassegnò le dimissioni e denunciò l’accaduto all’Assemblea: un gesto che gli fece guadagnare la fiducia della nuova classe politica in ascesa. Con il colpo di stato del 10 agosto 1792, la Francia divenne ufficialmente una repubblica e Joachim si distinse per la sua attiva partecipazione agli affari militari.

Le prime campagne al fianco di Napoleone

La prima fase della Rivoluzione francese si concluse il 28 luglio 1794, con l’arresto e la condanna di Robespierre, ma le battaglie dei seguaci dell’ormai ghigliottinato Luigi XVI non cessarono. Negli eventi che portarono all’insurrezione del 13 vendemmiaio, un giovane Napoleone Bonaparte, già famoso per il suo ruolo nella riconquista della città di Tolone del 1793, risaltò fra coloro che guidarono le armate repubblicane. Al suo fianco, a eseguirne gli ordini in qualità di comandante di uno squadrone di cavalleria, vi era proprio Murat. In virtù di una fama di tutto rispetto, guadagnata a suon di vittorie, al generale corso fu poi affidata la delicatissima campagna in Italia e anche in questa Joachim lo accompagnò, dimostrandosi abile nell’inseguire e braccare il nemico.

L’Austria capitolò e il trattato di Campoformio sancì il successo napoleonico. Proprio in Italia, durante un breve soggiorno al castello di Mombello, Murat incontrò per la prima volta Carolina Bonaparte, sorella del futuro imperatore, che subito s’invaghì di quel giovane audace e di bell’aspetto. Promosso a generale, nel 1798 fu nuovamente al fianco di Napoleone nella campagna d’Egitto e, quando questi l’abbandonò per tornare in Francia e sfruttare a proprio favore la crisi di potere, Murat lo sostenne nel colpo di stato del 10 novembre 1799.

Murat alla battaglia di Abukir (Campagna d’Egitto)

Il Direttorio fu soppresso e nacque una nuova forma di governo con a capo tre consoli; uno di questi, colui che di fatto ebbe il potere maggiore, era proprio Napoleone. Ormai suo uomo di fiducia, Murat fu promosso a comandante della guardia del Primo Console e a gennaio del 1800 sposò Carolina, rafforzando ancora di più la sua posizione nell’entourage del cognato.

Da maresciallo dell’Impero a Monarca

Il rapporto fra Murat e Napoleone fu di amore e odio. L’Imperatore sapeva di poter contare su di lui, di avere al proprio fianco un uomo valoroso, sempre pronto a rischiare la vita, e ne ammirava lo sprezzo del pericolo, ma quel carattere troppo impetuoso fu causa di numerosi contrasti tra i due.

Murat era famoso per le sue capacità militari. Considerato un leader dai suoi subalterni, poteva scagliare offensive disperate, scardinare le difese e ribaltare le sorti di una battaglia, ma non possedeva l’acume e le abilità strategiche del cognato, né la freddezza di calcolo in situazioni in cui era necessaria un’attenta valutazione piuttosto che l’impeto. Un perfetto riassunto di queste sue qualità e mancanze lo fece il generale Savary che, schierato al suo fianco nella battaglia di Heilsberg del 1807, commentò così il suo comportamento avventato:

Sarebbe meglio che egli fosse dotato di meno coraggio e di un po’ più di buon senso!

Il 2 dicembre del 1804, Napoleone si incoronò sovrano dei francesi e la carriera militare di Murat ne beneficiò: divenne maresciallo dell’Impero.

Murat a Napoli

Ormai nemico numero uno dell’intero continente, Napoleone guerreggiò con mezza Europa, insidiando le più grandi potenze del continente. Joachim prese parte a ciascuna campagna napoleonica e in molti episodi si distinse sia in modo positivo sia negativo.

Nel 1805, ai tempi della Terza Coalizione, giunse nei pressi di Vienna con il suo contingente, che doveva attraversare il Danubio. L’ultimo ponte sopravvissuto alle schermaglie franco-austriache era stato minato dai genieri nemici. Murat ideò uno stratagemma che, quando fu raccontato a Napoleone, suscito grande ilarità: il Maresciallo diede ad intendere che era stato firmato un armistizio e gran parte delle sue truppe, palesando un atteggiamento da bandiera bianca, riuscì ad attraversare il ponte.

I soldati austriaci, interdetti da quel bizzarro comportamento, credettero alla presunta pace e non innescarono le mine. Dopo aver guadagnato la riva opposta del fiume, Murat ordinò l’attacco, sopraffacendo con facilità le milizie avversarie.

Pochi mesi dopo, invece, fu vittima dell’astuzia altrui. La decisiva battaglia di Austerlitz era alle porte e la Grande Armée stava cercando di accerchiare le truppe in fuga del comandante russo Kutuzov. Nel disperato tentativo di coprirne la ritirata, il collega Wintzingerode cercò di parlamentare con Murat, offrendogli una breve tregua. Pur non avendo il permesso di portare avanti alcun negoziato senza un ordine preciso, il Maresciallo accettò, scatenando la furia dell’Imperatore, che lo rimproverò aspramente.

La morsa napoleonica continuò a insidiare l’Europa e la pace di Presburgo del 26 dicembre 1805 sancì, oltre che la disfatta della Coalizione, la fine del Sacro Romano Impero.

L’Imperatore poté ridisegnare secondo il proprio volere il frammentato mondo germanico e conferì il titolo di Granduca di Berg e Clèves a Murat, che si trasferì a Düsseldorf, la capitale del Granducato. Joachim continuò a prestare servizio nella Grande Armata, svolgendo un ruolo cruciale soprattutto nella campagna di Prussia e Polonia contro la Quarta Coalizione e nella repressione della rivolta popolare di Madrid.

Proprio dalla Spagna giunsero notizie che segnarono una svolta significativa nella sua vita.

Negli anni di dominio francese, dal 1800 al 1813, l’Italia fu riorganizzata con un assetto politico utile alle mire di Napoleone. Al nord nacque il Regno d’Italia, guidato dal viceré Eugenio di Beauharnais (figliastro di Napoleone); a sud, il Regno di Napoli vide la cacciata dei Borbone e l’incoronazione di Giuseppe Bonaparte, fratello maggiore dell’Imperatore. Nel frattempo, le operazioni sul suolo spagnolo portarono all’abdicazione di re Carlo IV e Napoleone affidò la corona iberica a suo fratello. Rimasto vacante, il trono partenopeo passò al cognato.

Gioacchino Napoleone, re di Napoli

Nel 1808 Murat fece il suo ingresso a Napoli, accolto in trionfo dalla folla. Sebbene si trattasse dell’ennesimo monarca straniero, il popolo non aveva dimenticato che, durante la guerra in Italia fra il 1800 e il 1801, il generale francese aveva imposto ai suoi uomini di non far del male ad alcun civile partenopeo. Incoronato come Gioacchino Napoleone, Murat si fece promotore di una serie di iniziative molto significative. Avviò numerose opere pubbliche in tutto il regno, favorì la nascita della prima facoltà civile d’ingegneria, corso di studi che, all’epoca, era aperto solo ai militari, e s’impegnò a debellare il fenomeno crescente del brigantaggio. Il popolino lo amava, ma l’affetto non era unanime.

Murat in visita al Real Albergo dei Poveri

L’introduzione del Codice napoleonico, ad esempio, gli costò l’inimicizia del clero, perché prevedeva la legalizzazione del divorzio e del matrimonio civile: tutte pratiche condannate dalla chiesa che si vedeva tagliata fuori dalle dinamiche familiari dei fedeli.

Nel 1809, a seguito della disfatta della Quinta Coalizione, Napoleone impose a tutti i suoi stati vassalli l’adesione al blocco continentale a sfavore dell’Inghilterra. In quanto ultima grande potenza a lui ostile, era intenzionato a logorarla economicamente, ponendo un veto categorico su qualsiasi suo scambio commerciale. Seppur a malincuore, Murat fu obbligato ad accettare quell’iniziativa, che procurò il malcontento dei commercianti, costretti spesso al contrabbando, un reato che il sovrano tollerò largamente.

Il legame di stima e affetto con Napoleone era sempre forte, tuttavia, in quanto sovrano, Murat ravvisò l’esigenza di regnare favorendo gli interessi dei suoi sudditi.

Per tal motivo, desideroso di dimostrare che gli anni borbonici erano giunti al capolinea, decise di completare la liberazione dell’Italia. Dopo esser stati deposti, Ferdinando IV e sua moglie Maria Carolina si erano rifugiati in Sicilia. L’isola era presidiata dagli inglesi che, nel tentativo di arginare l’espansione francese, occuparono anche Capri, per la sua posizione strategica. Murat condusse lì il suo esercito e le milizie avversarie capitolarono il 17 ottobre 1808. Spinto dall’entusiasmo di quel rapido successo, ordinò la prosecuzione della campagna, ma la successiva spedizione in Sicilia si rivelò fallimentare.

Le ultime campagne napoleoniche e la guerra austro-napoletana

Il Regno di Napoli godeva di una certa indipendenza, ma doveva ugualmente sottostare ai richiami di Napoleone. In virtù di ciò, nel 1812 Murat accantonò i progetti contro i Borbone e partì al fianco del cognato per combattere in Russia. Ancora una volta il suo comportamento in battaglia fu degno di nota, ma non bastò a evitare il tragico epilogo nelle gelide terre dell’est. La Grande Armata fu costretta a una disastrosa ritirata. Il 5 dicembre 1812, richiamato in patria dall’eco di un possibile colpo di stato, Napoleone affidò a Murat ciò che restava dell’esercito. Anche lui era però intimorito dalle ripercussioni di quella sconfitta, che contribuì a risvegliare gli animi assopiti delle potenze europee assoggettate alla Francia. Il 16 gennaio 1813, Murat delegò il suo compito al Viceré Eugenio di Beauharnais e tornò in Italia. La supremazia napoleonica si stava sgretolando e il Re di Napoli, preoccupato per i legami dei Borbone con gli austriaci, prese i primi contatti con questi ultimi.

Dopo pochi mesi la situazione sembrò cambiare e Napoleone lo chiamò al suo fianco ancora una volta. Fra il 16 e il 19 ottobre 1813 si consumò la grande battaglia di Lipsia, dove la Sesta Coalizione inflisse a Napoleone una pesantissima sconfitta.

La disfatta imperiale rappresentava un’insidia per la sua corona, quindi, mentre il cognato fu costretto ad abdicare e a ritirarsi all’isola d’Elba, Murat cercò un accordo per scongiurare la restaurazione borbonica. Giunto a Milano l’8 novembre 1813, avviò i negoziati con gli austriaci che, firmando un trattato d’alleanza con il Regno di Napoli, garantirono di ignorare le rivendicazioni degli ex monarchi.

Desideroso di evitare che la parola sconfitta fosse l’ultima della sua avventura terrena, Napoleone fuggì dall’esilio e si ripresentò al cospetto dell’Europa per riprendere il potere. Pur di salvaguardare i suoi personali interessi, Murat rassicurò preventivamente le corti di Vienna e di Londra: sarebbe rimasto in disparte per onorare gli accordi. D’altro canto, stando alle memorie da lui redatte durante il secondo esilio, nella remota Sant’Elena, il cognato non lo incolpò eccessivamente del voltafaccia e scrisse:

Non credeva di farmi un gran torto separandosi da me la prima volta; perché non si sarebbe unito agli alleati. Calcolò che sarei stato obbligato a cedere l’Italia e qualche altro paese, ma non ha mai immaginato la mia intera rovina

Il giudizio a posteriori è esatto, perché la caduta dell’Impero fornì il pretesto per portare avanti il progetto di Restaurazione: tutto doveva tornare come prima della Rivoluzione.

Nel frattempo, al Congresso di Vienna, i delegati della Coalizione discussero su come ridisegnare l’assetto del Vecchio Continente. Sebbene autorizzato a mantenere la corona di Napoli, Murat notò che le insistenze borboniche sembravano prossime a essere accolte e decise di passare all’azione, muovendo guerra agli austriaci. Le sue truppe invasero lo Stato Pontificio, posto sotto la sfera d’influenza della corte di Vienna, e da lì marciò verso il nord.

Pur avendo dato inizio alle ostilità, ribadì più volte la sua intenzione di rimanere fedele agli accordi e di mettere le armi a tacere, ma l’Austria rispose firmando un trattato di alleanza con Ferdinando. La guerra si protrasse fino a maggio del 1815, quando Murat fu definitivamente sconfitto nella battaglia di Tolentino, il cui esito sancì il ritorno al trono dei Borbone. Il generale francese non si arrese e il 12 maggio emanò il celebre proclama di Rimini per esortare gli italiani a insorgere contro lo straniero. Su consiglio dei funzionari di corte, lasciò Carolina a Napoli per trattare con gli inglesi e, nella speranza di essere richiamato nella Grande Armata, partì per la Francia.

Carolina con i quattro figli

L’ultima battaglia, l’arresto e la fucilazione

Memore del suo voltafaccia, Napoleone ignorò la richiesta del cognato e gli intimò di tenersi alla larga da Parigi. Col senno di poi, rimpianse la scelta: nella sua ultima grande battaglia gli sarebbe servita la risolutezza di un uomo come Murat, capace di lanciarsi contro i nemici anche in situazioni disperate, di un uomo “che non tornava mai senza aver tinto la sua spada con il loro sangue”.

Il 18 giugno 1815, a Waterloo, la Settima Coalizione archiviò definitivamente l’epopea di Napoleone e l’ex monarca di Napoli, braccato dagli austriaci, si rifugiò in Corsica. Gli italiani non si erano dimenticati di lui: esortato da tutti i suoi sostenitori, organizzò un’altra spedizione contro i Borbone. Insieme a 250 uomini salpò da Ajaccio il 28 settembre e sbarcò a Pizzo Calabro l’8 ottobre.

Nei suoi piani, gli ex sudditi avrebbero dovuto accoglierlo in maniera trionfale, unendosi alla causa e ribellandosi a Ferdinando, ma non fu così. Murat commise l’ultimo dei suoi famosi errori strategici che, a differenza dei precedenti, anziché costargli un semplice richiamo gli valse una condanna a morte. Negli anni del suo regno, la Calabria era stata duramente colpita dalla feroce repressione del brigantaggio, tanto che la popolazione locale gli era totalmente avversa. Il suo insignificante reggimento di poche centinaia di uomini cadde preda delle autorità. Il giudizio che Napoleone espresse a seguito della vicenda fu lapidario:

Ha tentato di riconquistare con duecento uomini quel territorio che non era riuscito a tenere quando ne aveva a disposizione ottantamila

Ricevuta la notizia dell’arresto, Ferdinando nominò una commissione militare incaricata di giudicarlo secondo il Codice penale da lui stesso promulgato: per i colpevoli di atti rivoluzionari era prevista la pena di morte.

Sentenza di condanna a morte di Gioacchino Murat – Archivio di Stato di Napoli

Immagine di Alfredo Ledonne via Wikipedia – licenza CC BY-SA 4.0

L’esecuzione ebbe luogo il 13 ottobre 1815 nel Castello Aragonese di Pizzo Calabro. Per l’ultima volta, Murat si distinse affermando:

Ho sfidato la morte troppo spesso per temerla

Impassibile anche di fronte alla sorte che stava per toccargli, con fierezza rifiutò di esser bendato.

L’esecuzione di Gioacchino Murat

Appena il plotone caricò le armi per eseguire la sentenza, senza scomporsi, urlò:

Risparmiate il volto, mirate al cuore. Fuoco!

Cadde esanime suscitando l’ammirazione di tutti i presenti, stupiti dal valore che aveva dimostrato fino alla fine.

Il Castello Aragonese di Pizzo Calabro, luogo di prigionia e fucilazione di Gioacchino Murat

Immagine di Alfredo Ledonne via Wikipedia – licenza CC BY-SA 4.0

Secondo alcune testimonianze, ai tempi delle prime campagne napoleoniche aveva fatto incidere sulla sua sciabola “L’orgoglio e le donne”: una frase che ben riassume ciò che è stato Gioacchino Murat.

Dove non specificato, le immagini sono di pubblico dominio

Nicola Ianuale

Sono uno scrittore e un grande appassionato di letteratura, cinema e storia. Ho pubblicato un romanzo di narrativa, “Lo scrittore solitario”, e un saggio, “Woody Allen: un sadico commediografo”, entrambi acquistabili su Amazon. Gestisco la pagina Instagram @lo_scrittore_solitario_romanzo dove pubblico post, curiosità su film e libri e ogni giorno carico un quiz sulla letteratura.