Giethoorn: la Città senza Strade a Traffico e inquinamento Zero

Giethoorn in Olanda è un paese praticamente unico nel proprio genere: in città infatti non troverete nemmeno una strada. Al posto del cemento e dell’asfalto che normalmente collegano vie e case fra loro si trovano fiumi, sentieri e piste ciclabili. I visitatori sono sempre i benvenuti, e vengono incoraggiati ad affittare un “Boat Whisper“, una navetta elettrica e silenziosa che consente di esplorare questo piccolo angolo di paradiso in terra per gli amanti dei “chilometri zero”. La città venne fondata nel XIII° secolo dalla setta dei Flagellanti, fuggiti alle persecuzioni.

In tutto il villaggio si contano più di 176 fra ponti e canali, che sono valsi alla piccola cittadina il soprannome di “Venezia dei Paesi Bassi” o “Venezia Verde“, dato l’alto numero di alberi e prati presenti in città. Il paese è particolarmente famoso perché le parole inquinamento, traffico e parcheggio semplicemente non esistono. Giethoorn raggiunse la popolarità soprattutto grazie al film “Fanfare” di Bert Haanstra, nel 1958.

I luoghi da visitare sono le riserve naturali De Wieden e De Weerribben, ‘t Olde Maat Uus, una fattoria restaurata che mostra come fosse la vita nel villaggio durante il 1800, il museo De Oude Aarde, che raccoglie minerali e cristalli e il Gloria Maris, un museo di conchiglie.

Sotto, il video che mostra la cittadina nei suoi canali:

Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...