Quella del Food-Blogging è una moda che sta prendendo sempre più piede in tutto il mondo, con delle star della cucina “fai-da-te” in grado di competere in popolarità con gli chef più famosi. In un panorama variegato come quello del cibo, alcune nicchie sono state occupate da veri e propri artisti, che hanno fatto dell’originalità delle proprie creazioni un marchio di fabbrica professionale. E’ il caso di “Necro-Nom-Nomicon“, un cuoco in salsa Horror in grado di realizzare torte e altre pietanze che diventano virali e riprodotte in tutto il mondo. Una delle sue creazioni più ammirate è stata certamente la torta a forma di teschio insanguinato, condivisa decine di migliaia di volte in tutto il globo. La preparazione non sembra essere difficilissima, ma il risultato è davvero d’effetto. Sotto trovate i passaggi spiegati passo-passo

Il risultato finale:

torte-horror-07

La prima cosa da fare è realizzare una torta al cioccolato a forma di teschio:

torte-horror-09

torte-horror-10

Mentre la torta si raffredda, realizzare un teschio di cioccolato bianco utilizzando uno stampo apposta:

torte-horror-11

Una volta che la torta si è raffreddata, legare il cranio di cioccolato bianco con il cake sottostante:

torte-horror-12

Dipingere il cranio di cioccolato bianco con colorante alimentare in gel rosso e marrone:

torte-horror-13

Una volta che il teschio è dipinto, applicare con attenzione uno strato di glassa:

torte-horror-14

Una volta completata la glassa, tagliarla per svelare il cranio sottostante:

torte-horror-15

Annaffiare il tutto con sciroppo da dolci:

torte-horror-01

Il primo taglio:

torte-horror-02

Il teschio rivela la sua anima di cioccolato:

torte-horror-03

Durante il taglio:

torte-horror-04

L’illusione è perfetta:

torte-horror-05

Il teschio sul piatto:

torte-horror-06

E alla fine, anche quest’autopsia è finita:

torte-horror-08

Fonte: BoredPanda

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...