Abiti da sera colorati con l’arsenico, Cappelli fatti con il mercurio, Crinoline altamente infiammabili. Questi e altri sono i contenuti del nuovo libro “Fashion Victims: The Dangers of Dress Past and Present” scritto da Alison Matthews David, che mostra immagini e dettagli della moda durante i secoli passati, concentrandosi in particolar modo sul periodo che va dal 1700 al 1930. Il libro è un racconto sorprendente, quando non drammaticamente cruento, dei sistemi in cui l’abbigliamento ha ucciso in modo casuale o attraverso le fasi della sua produzione le persone che lo hanno indossato o quelle che lo hanno prodotto.

Vestiti tossici 05

Sopra: “Fire”: gli orrori della crinolina e la distruzione della vita umana, circa 1860. Le strutture delle gonne denominate “crinolina” erano assai popolari durante i secoli scorsi, ma anche un terribile pericolo per coloro che le indossavano a causa della loro infiammabilità. (Foto: Wellcome Library, Londra)

Vestiti tossici 01

Sopra, una vignetta mostra i germi che è in grado di catturare una gonna che striscia per terra, con la morte che attende sorniona: Febbre, Tifo, Influenza e altri germi e microbi. (Foto: The Art Archive at Art Resource, NY)

Vestiti tossici 04

The Haunted Lady, o ‘Il fantasma” allo specchio, da una discussione del 1863 di Punch. Una donna è in piedi di fronte allo specchio e vede la figura della sarta, esausta, che giace morente dopo aver confezionato il suo abito. (Foto: Toronto Public Library)

Vestiti tossici 08

La moda all’arsenico, del 1840. L’abito verde è probabilmente stato colorato con un pigmento derivato dall’arsenico. (Foto: Courtesy Bloomsbury)

Vestiti tossici 09

Una cromolitografia mostra l’effetto dell’arsenico utilizzato nella fabbricazione dei fiori artificiali sulle mani dei lavoratori, 1859. (Foto: Wellcome Library, Londra)

Vestiti tossici 11

Il Valzer dell’arsenico o La nuova danza della morte, relativi all’uso dell’arsenico come pigmento verde, 1862. (Foto: Wellcome Library, Londra)

Vestiti tossici 02

Sopra, la copertina di “Fashion Victims”, edito da Bloomsbury

Vestiti tossici 10

Sopra, il cappello girevole, del 1830. L’uso del mercurio nella produzione dei cappelli durò oltre 200 anni perché non era ritenuto pericoloso per le persone che li indossavano, nonostante i danni che causava ai lavoratori che li confezionavano. (Foto: Wellcome Images, Londra)

Vestiti tossici 03

Metà scheletro, un memento mori alla moda per metà, 1805. (Foto: Wellcome Images, Londra)

Vestiti tossici 07

Una cartolina pubblicitaria per la vestaglia Perkins, altamente infiammabile “fortemente raccomandata dal Coroner”, 1910.

Vestiti tossici 06

L’innocuo “Swan Down”, la cipria contenente polvere di piombo, circa 1875-1880.

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...