Dopo il Ballo” (in francese: Après le bal) è un cortometraggio muto francese realizzato e pubblicato nel 1897, diretto da Georges Méliès, uno dei padri del cinema e inventore, fra l’altro, degli effetti speciali. La protagonista è Jeanne d’Alcy, la futura moglie di Méliès e prima attrice in assoluto del cinema francese, e Jane Brady, la cameriera che fa finta di bagnare la donna. La trama del film è una scena di un minuto di una serva che bagna una donna dopo averla aiutata a svestirsi, in cui è possibile notare il didietro della donna al naturale nudo.

Nel film si nota un trucco teatrale tipico del cinema di Méliès, ovvero la sabbia nel bidone per dare l’idea dell’acqua

Se oggi questa scena non può fare alcun effetto, nel 1897 vedere una signora senza abiti era qualcosa di assolutamente scabroso, immaginiamo lo stupore delle persone che videro non solo le nudità femminili, ma nudità che si muovono e compiono un’operazione come bagnarsi. E’ fra l’altro interessante notare come la linea del profilo della d’Alcy fosse completamente modificata dall’utilizzo del corsetto, che le dava la tipica forma ad S del profilo dei fianchi.

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...