Il fotografo Charles H. Traub ha pubblicato una serie di immagini, chiamata Dolce Via, che trasporta gli spettatori indietro nel tempo nell’Italia degli anni ’80. Guardando le fotografie viene alla mente Raf, che cantava “cosa resterà di questi anni ’80“, e le immagini del fotografo sembrano accompagnare perfettamente il cambiamento dell’Italia durante gli ultimi trent’anni. Traub visitò spessissimo il nostro paese durante quel periodo, e realizzò una serie di splendidi ritratti di strada che ci fanno rivivere momenti attimi appartenenti ormai al passato remoto.

DolceVia23

Con uno sguardo da statunitense, Traub ha documentato la cultura, le tendenze della moda e lo stile di vita degli italiani da Milano a Marsala. Le fotografie sono cariche di colore e di momenti espressivi, che si traducono senza limite di lingua parlata. Secondo Howard Chua, del TIME, il lavoro è “sensuale e triste, pieno di colori e di piacere, magnifico anche nella sua malinconia. Questa è la natura eterna d’Italia, la natura stessa di ogni cosa“. La serie è diventata un libro fotografico che viene proposto su Amazon Italia.

DolceVia1

Il fotografo nota particolari che, negli anni ’80, per un italiano potevano essere banali e ricorrenti, scontati nella loro quotidianità. Visti con gli occhi di oggi, quei dettagli raccontano la storia di chi li ha vissuti.

DolceVia2

Dolce Via#4:

DolceVia3

Dolce Via#5:

DolceVia4

Dolce Via#6:

DolceVia5

Dolce Via#7:

DolceVia6

Dolce Via#8:

DolceVia7

Dolce Via#9:

DolceVia8

Dolce Via#10:

DolceVia9

Dolce Via#11:

DolceVia10

Dolce Via#12:

DolceVia11

Dolce Via#13:

DolceVia12

Dolce Via#14:

DolceVia13

Dolce Via#15:

DolceVia14

Dolce Via#16:

DolceVia15

Dolce Via#17:

DolceVia16

Dolce Via#18:

DolceVia17

Dolce Via#19:

DolceVia18

Dolce Via#20:

DolceVia19

Dolce Via#21:

DolceVia20

Dolce Via#22:

DolceVia21

Dolce Via#23:

DolceVia22

Tutte le immagini sono di ©Charles Traub.

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...