Doveva essere il fiore all’occhiello del nuovo sistema della metropolitana di New York City, a fine ‘800. Vetrate, lucernari e lampadari in ottone decorano le pareti curve e i soffitti a volta. Nonostante la bellezza della nuova stazione di City Hall, lo scalo chiuse al pubblico in modo repentino dopo soli 41 anni dall’apertura, nel 1904.

City Hall stazione della metropolitana fantasma a New York1Un tempo City Hall costituiva il capolinea meridionale della Interborough Rapid Transit (IRT), che si svolge da City Hall verso la 145 Street lungo Broadway.

City Hall stazione della metropolitana fantasma a New York2

La stazione dispone di vetrate, lucernari e lampadari in ottone, che ornano le sue pareti curve e i soffitti a volta. A oggi gli ambienti sono ancora perfettamente conservati, nonostante siano passati oltre 110 anni dall’ultimo utilizzo.

City Hall stazione della metropolitana fantasma a New York3

Anche le piastrelle ricordano lo stile Liberty:

City Hall stazione della metropolitana fantasma a New York4

L’orgoglio per una stazione tanto bella venne ben presto messo da parte, e di City Hall ci si dimenticò subito, restando utile soltanto per una svolta del treno che parte da Pelham Bay Park e conduce al ponte di Brooklyn.

City Hall stazione della metropolitana fantasma a New York5In tempi più recenti le sue ferrovie curve furono considerate non sicure per i nuovi treni più lunghi, e la stazione venne rimpiazzata dalla vicina stazione del Ponte di Brooklyn.

City Hall stazione della metropolitana fantasma a New York6

Oggi City Hall è visitabile durante tour guidati, che vengono organizzati circa 1 volta al mese.

City Hall stazione della metropolitana fantasma a New York7

La City Hall venne progettata dall’architetto valenciano Rafael Guastavino, e rimane probabilmente una delle opere metropolitane più originali al mondo.

Sotto, in un video viene mostrata la stazione:

Tutte le fotografie sono di John-Paul Palescandolo e Eric Kazmirek.

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...